Set 30

Arcoveggio: resoconto di sabato 28 settembre 2019

Arcoveggio BolognaPrimo round del Meeting bolognese incentrato sulla disputa del Gran Premio Continentale, il sabato proponeva agli appassionati un ghiotto menù tecnico su cui campeggiava la tqq, qualitativo doppio chilometro per soggetti di 5 e 6 anni con partenza dietro l’autostart, al quale hanno aderito quattordici binomi. Betting omogeneo con Victor Trio, prima scelta di misura su Una Bella Gar, Vettel Op e i due compagni di training, Unique Rek e Vivienne Effe. Al via il più lesto è Vivaldi che però confonde l’azione e finisce squalificato unitamente a Valle Incantata, Ussaro Egral e Van Helsing Font, mentre scivola in avanti Urany Matto presto sostituita da Victor Trio, al largo del quale si industria Valencia Min, poi, Viola Orsini e gli altri, Il leader modera l’andatura per gran parte del percorso , Valencia resta al largo, mentre dalle retrovie avanzano Uma Del Ronco, Unique Rek e Una Bella Gar ,con Urany sempre alla corda , in calo ai 400 finali Viola Orsini e Vaomar con il leader a sciorinare parziale decisivo alla sorti della gara e vincere nettamente in 1.14.9 su Una Bella Gar autrice di veemente scatto togliere la piazza d’onore a Urany Matto, quarta Unique Rek su Uma Del Ronco. Le quote, premiano con 254 euro la tris, oltre 823 la quartè, mentre la quintè non ha trovato vincitori e rimanda il jack pot di 24 ore, sempre all’Arcoveggio.

Puledre in apertura con eccellenti debutti e prestigiose genealogie in gara, due giri da percorrere e vittoria dell’inespressa allieva di Erik Bondo, Hill’s Angel, svedese di colori danesi che ha dapprima pedinato la leader Bokonella Run per poi batterla di precisione in 1.17.2, mentre la diligente Balalaica Matto ha chiuso al terzo posto leggermente discosta. Duemila metri da percorrere per i dieci protagonisti della seconda corsa, sfida riservata alla leva 2016 con la replica vittoriosa del successo romano di mercoledì da parte di Alcazardesnjuan, che dopo percorso di testa orchestrato con la consueta maestria da Roberto Vecchione ha respinto in 1.16.6 il minaccioso forcing finale di Arphen , mentre il debuttante Axel Rek ha chiuso al terzo posto. Giumente di cinque anni e oltre alla terza corsa, in nove al via per il ritiro di Val Badia Jet e tutto secondo copione con Vita Breed a scandire i parziali agli ordini di Marco Stefani per poi scattare e mettere ulteriore gap tra sé e le avversarie e vincere in un sontuoso 1.13.9 nei confronti di Vision Dei Veltri scattata con autorevolezza nelle fasi finali per aver ragione della controfavorita Viperina Spin, mentre alla quarta, handicap sul doppio chilometro riservata a cadetti di buona categoria, riflettori sul penalizzato Zar Op ma vittoria dopo coast to coast di pregio per Zahara Fks e Mario Minopoli, che in 1.15.4 hanno rintuzzato la rivalsa interna del compagno di schieramento Zebù Risaia Trgf relegando il favorita al terzo posto. Ancora la leva 2015 in vetrina alla quinta, miglio tutto al femminile nella tris nazionale programmata sul miglio, che vedeva Zoe And Glory nei panni del soggetto maggiormente seguito al betting, ma la femmina guidata da Roberto Vecchione ha incrociato una Zarina Baba in grande condizione che in 1.15.4 e ben coadiuvata da Manuel Pistone, le ha tenuto agevolmente testa, mentre Zarkva Ans ha completato il podio, poi, gentlemen alle redini di eccellenti anziani con l’attesa Una Magia Bi, puntuale al traguardo in coppia con Filippo Monti e vincitrice in 1.15.1 dopo percorso all’avanguardia nei confronti della diligente Velina Vald e di un sorprendente Vassallo.

Questa news è stata letta 347 volte dal 30 Settembre 2019