Ho dimenticato la password

Dic 12

Montegiorgio: le corse di venerdi' 13 dicembre 2019

Ippodromo di MontegiorgioAll’ippodromo San Paolo di Montegiorgio venerdi' 13 (43 esima giornata) e domenica 15 (44 esima giornata) secondo weekend di corse pomeridiane al trotto con doppio appuntamento. Venerdì occhi puntati sulla Tris Premio Cantina Biagi e domenica si disputerà la finale del Premio Proprietari 2019. Dunque un nuovo fine settimana a tutto trotto per l’ippodromo delle Marche. Un fine settimana che inizia con un omaggio ai vini abruzzesi della Cantina Biagi e si chiude con una domenica tutta intenta ad omaggiare le scuderie e che come ciliegina propone una ghiotta vincita per la finale del Premio Proprietari.

Venerdì sono in programma otto corse, ma l’appuntamento clou è la Tris Premio Cantina Biagi, con sede nella Val Vibrata e in particolare nelle colline di Colonnella, a 200 metri sul livello del mare. La patria del vino abruzzese, base dell’economia del territorio e fondamento delle tradizioni popolari. Una corsa per cavalli di 4 anni che mette in palio 11 mila euro. Una Tris con quarté, quinté e partenza a nastri sulla lunga distanza (2500 mt). Occhi untati anche sul Pemio Ipnosi, un vino Montepulciano ottenuto da uve 100% Montepulciano d’Abruzzo Colline Teramane DOCG 2013. Dopo un lungo affinamento in piccole botti di rovere da 225 litri, arriva alla bottiglia. Vino dal colore rosso rubino, con riflessi violacei. All’olfatto è intenso con sentori di vaniglia e frutta a bacca rossa. Al gusto è armonico e ben strutturato. Ideale abbinamento con carni rosse, cacciagione e formaggi stagionati. Un a corsa per femmine di tre anni, sulla distanza dei 1600 metri. Anche le altre corse in programma sono dedicate ai vini della cantina Biagi: Premio Matteo Biagi, un100% Montepulciano d’Abruzzo Colline Teramane DOCG 2008, e Premio Martina Biagi, uno spumante e ottimo come aperitivo, Premio Retrò, un “Montepulciano d’Abruzzo”, Premio Ashé, un trebbiano d’Abruzzo, Premio Rerum, un rosato e Premio Eklé, spumante delicato, ottenuto dalla fermentazione del mosto in autoclavi di acciaio inox di piccole dimensioni a temperatura controllata.

Domenica il cartellone propone otto corse e sarà un omaggio alla scuderie, ma l’attenzione delle scuderie è tutta rivolta alla finale del Premio Proprietari 2019, che ha una dotazione di oltre 36 mila euro. I proprietari potranno schierare solo cavalli adulti, di 5 anni ed oltre. La partenza è con i nastri sulla lunga distanza (2500 metri). Sarà sicuramente una corsa affollata e da seguire in diretta, se possibile sul campo. Con il Premio Scuderia Vemah, che porta in dote un premio di 11 mila euro, l’attenzione è tutta per i puledri, cavalli di due anni che dovranno percorrere 2060 metri prima di stamparsi sul palo. Per i cavalli di 3 anni c’è il Premio Scuderia Claire Martine, che si dovranno sfidare su 1600 metri. Una corsa di categoria E, il Premio Scuderia Ippica Azzolina, porterà in pista ancora una volta i cavalli di 5 anni, sulla distanza dei 1600 metri. Il Premio Scuderia Flavium, corsa categoria E, sarà rivolta a cavalli di 5 anni ed oltre Ci saranno inoltre il Premio Scuderia Picenum Plast, per cavalli di 4 anni, il Premio Scuderia Montegiorgese, una corsa gentlemen per cavalli di 4 anni e il Premio Scuderia Cantinell per cavalli di 5 anni ed oltre sulla distanza dei 1600 metri.

Questa news è stata letta 562 volte dal 12 Dicembre 2019