Ho dimenticato la password

Set 6

Cesena: resoconto di sabato 5 settembre

Ippodromo CesenaCondizioni meteo ottimali per un Campionato Europeo Orogel corso davanti ad un pubblico contingentato causa limitazioni imposte dall’emergenza sanitaria, con una serata contrassegnata da buoni motivi tecnici anche nelle prove di contorno.
In apertura, riflettori sui tre anni impegnati sulla breve distanza per il “Premio Fondazione F.OR”, un sestetto al via e brillante primo piano di Balio Trgf Risaia ed Enrico Bellei, al comando dopo partenza velocissima e poi a segno in 1.13.4 nei confronti del compagno di training Bat Host, più discosto e Blade Wise As; poi, alla seconda corsa “Premio Virtù di Zuppa Orogel” rottura della plebiscitaria favorita Azdora e melina della battistrada Ad Maiora Gar che, raggiunta dalla rientrante battistrada, ha gradatamente accelerato per vincere di misura nei confronti della stessa mentre Avrilvingtun Cam ha conquistato il terzo posto superando a fil di palo Amber Trio e Alba Dei Greppi, media di 1.15.4 che ha risentito della tattica conservativa imposta da un sagace Antonio Di Nardo e constatazione statica, immediato raddoppio serale per Gennaro Casillo nei panni di trainer. Spazio ai gentlemen alla terza corsa “Premio Prodotti Leggerezza Orogel”, prova del Trofeo Gentlemen For Life dominata da Zeroincodotta Op e Filippo Monti, nuovo allievo del team Demuru il primo, agguerrito inseguitore della leadership nazionale il secondo, puntuali favoriti e preminenti al ragguaglio di 1.14.8 su Zuvetie Cc Sm e Valgardena Jet, labile leader avvicinata da Zirkovia Cis nei pressi del palo. Il tempo di presentare i driver partecipanti alla kermesse e poi, miglio per fighter di rango “Premio Prodotti Benessere Orogel” che la favorita Vesna ha vinto in un considerevole 1.13.2 dopo aver condotto su Zima Jet e Trillo Park, gestendo la fase finale con autorevolezza guidata con decisione da Renè Legati, al secondo posto il finisseur Zimmy Cub su Zanzibar Wise As.
Alle 21.35 sono scesi in pista i protagonisti del Campionato Europeo Orogel, per dare vita alla prima delle due prove, tutto o quasi secondo copione, con Ua Huka decisa nel contenere il compagno di training Arazi Boko, che si è adeguato alle sue spalle mentre gradatamente il favorito Vernissage Grif avanzava e al completamento del mezzo miglio passava a condurre per guadagnare via via terreno e spaziare senza problema alcuno in 1.11.2 su Arazi Boko che nel frattempo si era sbarazzato di Ua Huka, terzo Deimos Racing su Zaniah Bi e Zaffiro Top, l’estremo outsider della contesa. Riflettori sui puledri di due anni “Premio Verdurì Orogel”, i protagonisti del Criterium Romagnolo che in otto si sono sfidati sul miglio con l’errore nelle fasi d’avvio del favorito Cupido Cup imitato poco dopo dall’attesa Cherry Top, e la corsa all’avanguardia di Cher Ek chiusa in un brillante 1.16.6 dalla giovane allieva del team Baroncini guidata da Andrea Farolfi, secondo un battagliero Callisto su Capovento Pax, autore di un manovrato percorso al largo. La pista si è tinta di rosa alla settima corsa “Premio Orogel Food Service”, un handicap sul doppio chilometro che la favorita Zana Dei Venti ha risolto sin dalla giravolta acquisendo via via vantaggio per sbaragliare il campo e rendersi lepre intangibile per le penalizzate Rouen peste Tft e Tilde Mati.
Allo scoccare delle 23.00 ed in leggero ritardo rispetto all’orario previsto, il sauro Vernissage Grif ha sancito la sua superiorità nei confronti degli avversari, vincendo la seconda prova del Campionato Europeo Orogel dopo aver seguito dalla coda del gruppo lo scatenato tentativo in avanti della compagna di viaggio Zaniah Bi, risalendo la fila a seicento metri dal palo e pur subendo un disperato tentativo d’anticipo da parte di Deimos Racing, ha dominato tra gli applausi sullo stesso coraggioso avversario e su Chief Orlando filtrato in open stretch all’interno della stanca Zaniah. Media di 1.11.6 ed ennesima perla di un indimenticabile stagione per il figlio di Varenne di proprietà del campano Gennaro Riccio, che dopo una fruttuosa trasferta finlandese e la vittoria nel Città di Montecatini è consacrato nell’olimpo del trotto nazionale.
Svanito il sogno del race off, nel prosieguo “Premio Le Meraviglie Orogel” sono scesi in pista validi soggetti di quattro anni con la campionessa Audrey Effe sfidata in un handicap sul miglio dal secondo arrivato del Derby tedesco Juan Bros, con Beppe Lombardo Jr e da Al Capone Stecca, campione di casa Gocciadoro che però venivano trascurati al betting a favore dell’avvantaggiata Akela Pal Ferm, con una prima fase di gara annullata per un cross tra Abano Cis, poi ritirato, e la stessa Audrey che al secondo tentativo si adeguava alla spalle dei fuggitivi Akela Pal Ferme Aphrodite Bi per poi iniziare una graduale risalita sciupata da un improvviso errore che l’ha retocede in coda al gruppo. A quel punto, tutto facile per la ritrovata Akela Pal Ferm che Salvatore Cintura Jr accompagnava al successo in 1.12.3, media ancora più rilevante in virtù della partenza da fermo, secondo posto per un tonico Al Capone Stecca e terzo appannaggio di Aphorodite Bi. Un ultimo appuntamento agonistico prima dello spettacolo pirotecnico, anziani sui tre giri pista e con partenza ai nastri per il “Premio Orogel Fresco”, e delusione per i sostenitori di Volcada Bar, solo quarta all’epilogo dietro al fuggitivo Vasty Di Poggio che Roberto Andreghetti ha portato subito al comando gestendone i parziali sin sul palo dove, sul calo di Volcada, Vicki Laksmy ha conquistato il secondo gradino del podio finendo però squalificato dopo un doppio errore nelle fasi d’avvio, piazzamento andato così a Fingers Cross sulla stessa Volcada e su Boys Going In.
Nel corso della serata Madrina dell’86° edizione del Campionato Europeo di Trotto OROGEL, Ivana Mrazova è stata presentata al pubblico del Savio nel corso delle interviste condotte da Laura Padovani.
I Radio Rock sono stati la colonna sonora di sabato 5 settembre, con il loro repertorio rock anni Sessanta e Settanta che ha tenuto compagnia al pubblico dall’apertura dei cancelli, fino alla fine delle corse.
Un intervallo tra le competizioni è stato dedicato alla consegna del “Premio Giovanni Carlo Mantellini”, che quest’anno è andato a Rosanna Moraniello, operatrice socio-sanitaria della residenza per anziani Pietro Zangheri di Forlì per l’impegno ed il coraggio dimostrato nel corso dei mesi più duri dell’emergenza sanitaria.
La serata sì è conclusa con uno spettacolo “Piromusicale” che ha concluso la stagione delle “notturne” di trotto dell’ippodromo del Savio.

Questa news è stata letta 256 volte dal 6 Settembre 2020