Ho dimenticato la password

Giu 28

Merano: resoconto di domenica 27 giugno

 Pr.Lana 2018  (FOTO PRESS ARIGOSSI)Diciamolo subito, la rivincita dell’ultimo Gran Premio Merano Alto Adige non è andato in scena sul palcoscenico di Maia per le contingenti condizioni ambientali che hanno indotto i team di Northerly Wind e di L’Estran a rinviare, per prudenza e rispetto dei due campioni, ad altra data il confronto.
Ma subito dopo onore e gloria a Notti Magiche, l’undici anni della Scuderia Aichner capace per il terzo anno consecutivo di vincere il Grande Steeple d’Europa, e lo ha fatto da par suo, in avanti saltando con stile, in maniera pulita come sempre. Dopo Jan Faltejsek, per due volte in sella al baio in trionfo, in questa edizione è stato il turno del sempre più convincente Ondrej Velek vivere l’ebrezza in sella ad un saltatore straordinario.
Il francese Minella for Me, aitante steepler di belle forme, saltava a campanile la Fence nel lato più impegnativo dell’ostacolo, come tanti transalpini prima di lui a Maia, mandando per le terre Anthony Renard; sul salto dell’oxer cadeva il sauro Lodgian Whistle, per la seconda volta in evidente idiosincrasia con questo ostacolo coinvolgendo anche il veterano Al Bustan. A quel punto si è capito che per Notti Magiche era arrivato il giorno del suo terzo magico successo in questa prova. Impotenti alle sue spalle concludevano Bugsie Malone e Reki.
Nell’edizione LXVI del Premio Ezio Vanoni per giovani steepler è mancato anche qui un duello annunciato, ma per la caduta al salto del Talus della femmina Honey Sexy , che lasciava così ampio spazio al voluminoso Gangster de Coddes di scatenare tutta la sua potenza, che inscenava con una sgommata dopo il salto dell’Arginello da brividi. Bene alle piazze Tancarville e Lady Minx.
Doppia soddisfazione per il team Aichner quindi, al quale rimaneva interdetto invece il successo nella prova in cross, il Grande Steple Chase di Roma, poiché il forte Broughton, in assoluto il miglior specialista, trovava invalicabile quest’oggi la doppia gabbia di siepi. Alloro che veniva così nella disponibilità di un intraprendente Almost Human, partito con gran piglio sin dal via sui 5000 metri e arrivato fino in fondo davanti al coraggioso Burrows Lane. All About Cossio purtroppo usciva di scena al passaggio di marrana.
In chiusura il primo esame serio dei siepisti di tre anni e autorevole conferma di Desert Agenda, il portacolori Tanghetti, con Raffaele Romano, al secondo successo consecutivo con percorso in velocità in avanti dal primo all’ultimo metro nel Premio dei Giovani. Molto bene alle sue spalle il polacco Ocean Life, sostenuto costantemente ma ben finito in fondo a precedere King Power per la miglior piazza.
Ancora risalto nelle corse in piano per Antonio Ferramosca tra le amazzoni ed i cavalieri, in grande evidenza a Maia, prima portando a casa Homesweethome con peso severo sulla distanza e poi con egual perizia la femmina Angel Spring sul miglio.

Tutte le informazioni, i partenti, gli arrivi, le foto ed i video delle corse saranno consultabili sul sito :
www.ippodromomerano.it.

Questa news è stata letta 214 volte dal 28 Giugno 2021