Dic 29

Arcoveggio: un affollato "Addio alle Corse"

Ippodromo BolognaPer anni li abbiamo applauditi, ammirandone l'impegno e festeggiandone le vittorie, che per qualcuno sono giunte copiose in età giovanile, per altri hanno rappresentato il meritato premio di una lunga militanza sulle piste della Regione. Oggi i trentasette cavalli protagonisti dell'Addio alle Corse sono accomunati dallo stesso applauso e dalla gratitudine per le lunghe stagioni passate in loro compagnia. Eh sì, anche quest'anno all'Arcoveggio siamo giunti al fatidico appuntamento con i maschi di dieci anni e le femmine di sette che hanno raggiunto la meritata pensione, un nutrito plotone per l'edizione 2007, con due divisioni riservate ai professionisti e una che vede i gentleman accompagnare i loro portacolori all'ultima passerella in pista.
La disamina inizia con le due manche riservate ai prof, poste come sesta e ottava del pomeriggio festivo, programmate sulla distanza del miglio con partenza dietro le ali della macchina. I soggetti con i numeri migliori di entrambe le prove rappresentano lo zoccolo duro delle corse che fino alla primavera scorsa si correvano sotto l'egida della Sisal: infatti la veloce Deborah D'Ete ben si disimpegnava sulla breve distanza e la sua vicina di schieramento, Daniela Rivarco, non perdeva occasione per mostrare il grande feeling con i nastri, mentre Aissamar, Alfred Mav ed Achille Max si sono spesso fatti notare nei contesti affollati abbinati alla tris, con Dacia Tau vera e propria reginetta delle matinè di Ravenna e Modena. La seconda fila inizia con il prestigioso Antares As, fratello d'arte del campione Topkapi As e vincitore di oltre duecentomila euro, un record di poco superiore al 1.12.0 nonché in grado di salutare tutti vincendo, anche se l'esimia partitrice Daiana e la tenace Diarca sembrano assai temibili. Lo schieramento si chiude con tre lady dalla prestigiosa genealogia, l'esemplare Daffy Boss, la specialista-tris Diecimar e la lottatrice Dinan, che proprio di recente ha dato prova di essere ancora in gran forma e di aspirare ad una prolifica carriera di mamma.
Breve l'intervallo per ammirare un buon miglio per i tre anni e poi via, con la seconda "divisione" dell'Addio alle Corse, dove la regolare Dalila Gas si avvierà in pole con a fianco il miler Antidoto Ranch, mentre Altedo Gv, Acuto e Ambo di Elena dimostreranno di avere ancora qualche cartuccia da sparare, ed il temerario Arazzo Petral giunge da Montegiorgio per salutare chi per anni ne ha ammirato le gesta bolognesi. Di buon livello la seconda fila, che apre con Andrè Cn e continua all'insegna della regale genealogia di Arkaj As, menrte Decora Schans e Day Love Blue ci salutano con il podio nel mirino, lasciando al vincitore classico Acorlun il compito di reggere le sorti del pronostico. Un passo indietro per arrivare alla quarta corsa e chiudere il capitolo Addio alle Corse con i gentlemen e le ammirevoli presenze di Druvura Mo, Dalina Dj e At Rapid Sm, il quale si è guadagnato un posto in un confortevole paddock dopo le tante gioie regalate a Giacomo Amadei, senza dimenticarsi dei parziali mozzafiato di Ayrton Cobra e della costanza di Achele. La seconda fila è un comodo rifugio per l'opportunista Dancer Go, che ricordiamo assai baldanzosa al debutto agonistico, mentre ai suoi fianchi si avviano lo stakanovista Amos e la pimpante Diumar, con la ritrovata Danubiana Sama ad ambire quanto meno al marcatore. Il sogno di Avalon è quello di chiudere con un bel successo, ma Ampler e Otello Giovannini non sembrano dell'idea ed in terza fila ecco i migliori del lotto, il passista Anaby Pan e la valchiria Dinetra Mo. Le luci si spengono sulla lunga carriera dei nostri eroi, ma non sul lungo pomeriggio bolognese nel quale spiccano alcuni buoni prospetti, da Grammo di Azzurra alla prima, a Leticia Bi alla seconda, senza trascurare Itaparica alla settima, mentre in chiusura Euroelle può permettere a Maurizio Cheli un notevole balzo nella classifica del Trofeo Wallner.
E per festeggiare la Società Cesenate Corse offrirà una fetta di panettone a tutto il pubblico presente, augurando un 2008 "vincente", magari proprio alla nuova Multisala di Scommesse Ippiche e Sportive appena inaugurata nei locali dell'Arcoveggio.

Questa news è stata letta 491 volte dal 29 Dicembre 2007