Feb 2

Capannelle: il Grande Steeple di Roma

Ippodromo CapannelleOrmai la riunione in ostacoli invernale di capannelle è decisamente nel vivo. Dopo il sabato dell’Argenton ecco che si passa alla domenica, attenzione. Un segnale importante di attenzione, significa che le corse si fanno davvero importanti e lo dimostra il programma di questa giornata. Due prove di alto contenuto tecnico inserite in un contesto di otto corse con 69 partenti complessivi e che oltre ai due clou della giornata prevedono anche un’altra prova in ostacoli e cinque corse sulla pista all weather tra le quali, oltre a tre handicap e una vendere, anche una interessante condizionata per i tre anni sul miglio, primo annuncio di primavera con in campo , tra i sei, già qualche protagonista sopra la media come Tenzon, Shakermaker e Dynamic Power. Chiaramente tutta la attenzione dovrà essere rivolta alle due prove in ostacoli che onorona al meglio la riunione e sono pari alle attese. Una costituisce la tappa canonica per eccellenza in vista della Gran Siepi tra due settimane ed infatti ecco la bella novità di una ospite francese che viene a saggiare la pista per verificare le sue potenzialità proprio in vista del grande evento che non mancherà di attirare altri ospiti al momento. Si tratta di La Chartreuse impegnata sui 3500 metri del Giannelli Viscardi ultimo autobus appunto per poter essere in campo nella Gran Siepi. Il test più consistente. Questa La Chartreuse , allenata da S.A.Ghoumrassi e affidata a Fabrice Barrau, è una avversaria potenzialmente molto ma molto temibile per i nostri migliori. Resta infatti su due eccellenti affermazioni a Pau e a Marsiglia con cadenza mensile ( ha corso sempre il quattro prima di dicembre poi di gennaio ed ora passa al tre febbraio) precedute da un secondo posto in novembre sempre a Marsiglia ma quando ha corso ad Auteuil il tempio dell’ostacolismo è stata fermata. La sua presenza rende davvero di grande interesse e qualità il premio Giannelli Viscardi che conta su sei protagonisti e tra questi anche su Blu Santillana un numero uno per eccellenza che ha provato un mese fa anche a Cagnes sur Mer e che in siepi è il nostro numero uno, allievo di Franco Contu per i colori storici dell’Amalita in un campo che segnala anche Wild Groove e Bruciapelo che si ritrovano ad un anno esatto dal finale del Criterium di Inverno romano ( vinse Bruciapelo) oltre a Klimnt e Alca New Show. Naturalmente tutta l’attenzione la dobbiamo alla edizione 2008 dello Steeple di Capannelle , ostacoli alti per 4200 metri e sette protagonisti. Il meglio in questo momento in attività in Italia. Saranno in sette. Tra loro Terra Romana che dopo una eccellente carriera in siepi proprio sulla pista che ama di più, quella di Roma, si è inventata ottima steepler capace di vincere tutte le sue prove sostenute sugli ostacoli alti. Porterà la sua sfida ad un campione accertato come Amica , sostenuto da Bye Bye Quanito, entrambi allievi di Contu , con Amica che ha tentato anche lui a Cagnes in pieno inverno. La risposta di Paolo Favero è duplice e affidata a Kandinskiy il più in forma capace di suscitare notevole impressione nella sua ultima sortita e Mon Ami Jean Paul i cui mezzi e limiti italiani sono ancora da definire e che potrebbe anche essere la sorpresa della corsa che conta anche su Ajvazovskjy che proprio a Roma in steeple si seppe esprimere al meglio e che dopo parentesi sfortunata per infortunio è ora al suo apice di forma dopo la trasferta senza esito a Cagnes mentre Dalfors rappresenta la selezione degli ospiti slavi consueti con le nostre corse ma le sue sortite italiane lo mettono sotto i nostri migliori.

Questa news è stata letta 752 volte dal 2 Febbraio 2008