Apr 13

Arcoveggio: i Gran Premi d’Italia

Ippodromo Bologna Gran Premio ItaliaDomenica di grande festa all'Arcoveggio, con i migliori tre anni del panorama nazionale padroni assoluti della scena ed impegnati in una edizione 2008 davvero riuscita del Gran Premio Italia, da qualche anno affiancato anche da una manche tutta in rosa, il Filly.
Emozioni e grandi speranze per il futuro contraddistinguono da sempre il great event bolognese, dotato di un montepremi di 66.000 euro e nel cui Albo D'Oro campeggiano a caratteri cubitali i nomi dei campioni più rappresentativi del trotto Italiano, dai vincitori dello scorso anno Ideale Luis e Idole di Poggio, entrambi guidati da Enrico Bellei, alla facoltosa Giulia Grif, senza dimenticare campioni di un recente passato come Echò Dei Veltri e Boss di Jesolo e le virago Fleche, Venere Ok e Upicca Mo. Dieci i soggetti al via nella prova Open, la distanza del miglio da percorrere e tanto equilibrio tra i valori in campo, con tutti gli esponenti più in vista della generazione presenti e pronti a darsi battaglia. Numero e forma parlano per Letter From OM, una splendida realizzazione di Paolo Romanelli affidata al top-driver Roberto Vecchione, che ha recentemente dominato l'edizione romana delle Poules e scende in pista con grandi ambizioni, mentre Lagas Bi sarà il probabile battistrada lasciando al ben situato Lethal Mast lo scomodo ruolo di attaccante. La corsa propone un vero e proprio parterre de roi: infatti, proseguendo nello schieramento, ci troviamo al cospetto di Leonardo Grif, passato alle cure del Team Baldi e annunciato in condizioni di forma simili a quelle che gli permisero di ottenere un brillante piazzamento in terra francese o la vittoria nel Criterium Vinovo, senza peraltro dimenticare Leoner Of Brown e Le Roi Gar, quest'ultimo a rappresentare l'autentica novità nell'elite dei nati nel 2005.
Passiamo ora alla sfida riservata alle femmine, il Filly, dove regna il più assoluto equilibrio anche se le presenze di Lovely Bi e Lisa America inducono a ben considerare il duo griffato Riordan, mentre per Leonida Grif parlano in modo evidente le ambizioni mai sopite di Marco Smorgon, con Lory Trio a rispondere presente alla sollecitazioni della tribuna bolognese.
Bello il contorno, con un paio di prove internazionali confezionate con equilibrio, una posta come quarta corsa - dove la coppia Ehlert/Bellei presenta il debuttante a stelle e strisce Contrary - e la sesta, un miglio che vivrà un momento di grande emozione al via, quando Gabella Dj, Gilla du Ling e Rise And Shine daranno fuoco alle polveri per ottenere la leadership. Si inizia alle 14.30 e il plurimpegnato Enrico Bellei consiglia di non trascurare il suo Leper Veda Sm, indicando peraltro in Lory Life Pav l'avversaria più temibile, mentre alla seconda i gentlemen si sfideranno con il consueto carico di agonismo anche se Ehiz e Alessandro Raspante non sembrano avere rivali. Si continua all'insegna degli anziani e alla terza azzardiamo Careca, partitore eccelso di casa Nobili anche se soggetto poco incline alla regolarità, mentre alla sesta Jos Verbeeck torna sulla pista che lo vide spesso osannato vincitore presentando il suo Gondar Park. Nella nona occhio ad Ex Viking Sec, declassato ma giornaliero allievo di Jerry Riordan affidato con grande fiducia ad Andrea Guzzinati.

Questa news è stata letta 457 volte dal 13 Aprile 2008