Nov 8

Arcoveggio: una ripresa in grande stile

Ippodromo BolognaDopo un lungo stop durato ben un mese, il circus del trotto italiano riprende nel corso del week-end il suo cammino agonistico, dopo aver rivendicato i propri sacrosanti diritti nelle sedi governative e aver dato inoppugnabile prova di unità d'intenti. Tornano dunque alle gare i nostri amati cavalli, regalando all'Arcoveggio un sabato full-time che dalle 11.15 sino a pomeriggio inoltrato, regalerà emozioni e rilevanti spunti tecnici agli impazienti appassionati bolognesi. Dopo i sei appuntamenti mattutini, ricchi di partecipanti e impreziositi dal concorso di driver di ottimo livello, eccoci al riuscito convegno pomeridiano, che alle 16.35 metterà in scena il suo bel clou, riservato a dieci prestigiosi esponenti della leva 2005.
Fermi ormai da quattro settimane, i soggetti in gara oggi sono da considerare al rientro agonistico, che per molti rappresenta una sorta di test in vista di esami dal sapore classico. Parliamo per esempio delle due migliori lady in corsa, la rosso verde Libery Bi, assecondata con classe e talento dal top driver Roberto Andreghetti, e la beniamina di casa Baldi, Lady Marmalade; il sesso forte è rappresentato soprattutto dall'incostante ma dotato Lendemain, guidato da Andrea Farolfi, e da Lupomar, tornato sotto le cure di Tiberio Cecere che ne affida le sorti agonistiche a Roberto Vecchione. Bella anche la prova di spalla, un miglio dai notevoli contenuti tecnici che vivrà della sfida tra il fighter Faruz, confinato in seconda fila, e la velocista toscana Elpighia, mentre la yankee Self Admirer torna alle competizioni in coppia con Roberto Andreghetti e per il nuovo training di Ove Kristoffersson.
Il prologo pomeridiano offre molteplici motivi d'interesse per la ricomparsa in terra emiliana del facoltoso Moulin Rouge, un puledro dal promettente futuro che sfoggerà la sua elegante livrea cercando di bissare la vittoria ottenuta al debutto, compito che il fratello di Grande Armee e Farifant dovrà eseguire al cospetto di Master di Azzurra, proposta assai ambiziosa della coppia Ehlert/Esper. In un contesto assai qualitativo, non passa inosservata la seconda corsa, con i gentlemen in pista e l'ottimo Lexus pronto a confermare le voci che ne fanno un prospetto dal lusinghiero futuro, mentre alla terza tornano i due anni per un miglio dal difficile pronostico per il quale azzardiamo la nomination di Mambo Bi, altro biasuzziano in missione sulla Via Emilia. Vecchi draghi e giovani leoni alla quarta, con i quattro anni ormai entrati nel mondo degli anziani e pronti a mettere in campo un'invidiabile freschezza atletica che fa di Indacò OM l'avversario più temibile per l'atletico Gimmy di Jesolo, mentre alla quinta la generazione 2004 trova una buona moneta per un possibile scontro al vertice tra Indra November, Ingrid di Jesolo ed il veloce Isidoro del Rio. Nella ottava, spazio al declassato Ferox Grif, ex frequentatore dell'elite ora alla ricerca della migliore forma; e appuntamento a domani, orario "anticipato" e davvero insolito, le 12.10, per una riunione ordinaria di otto corse, che si concluderà già prima delle 16.

Questa news è stata letta 636 volte dal 8 Novembre 2008