Set 26

Arcoveggio: Cadetti in equilibrio nel clou

Ippodromo BolognaIl sabato dell'Arcoveggio anticipa la grande kermesse domenicale del Gran Premio Continentale -con festa del Centenario del Bologna FC 1909 - offrendo un convegno contraddistinto da buoni spunti tecnici, dedicando la sua corsa più ricca ai quattro anni, impegnati sulla breve distanza in un contesto davvero equilibrato. Sette concorrenti al via, in questo centrale che non contempla un vero e proprio favorito, offrendo chance a tutti i partecipanti: dalla rivelazione cesenate Liuk - che grazie alla pole position può sognare un ricco podio - al figlio del grande Varenne London Dany, in missione dalla Campania ben guidato da Maurizio Cheli, passando per l'ospite giuliano Locomotion OM. Continuiamo con l'inviato di casa Bellei Lambrusco Laser, abbinato ad Antonio Greppi nel preferito ruolo di catch driver, chiudendo con Lemon Ice e Loredan, annunciati in forma dai rispettivi entourage e seriamente indagati ad una recita da protagonisti.
Bello anche il sottoclou, con i tre anni impegnati in un selezionato doppio chilometro, che vivrà dell'incerto match tra Masson del Ronco, al debutto con il nuovo training del team Bellei e Morris Rivarco, esimio velocista che l'infortunato Mario Rivara affida alle abili mani di Francesco Virzì. Prologo alle 14.30 all'insegna delle giovani leve, che debutteranno sulla distanza allungata per un possibile primo piano del chiacchierato Nilson Starlight, atout targato Gocciadoro family e preceduto da entusiastiche recensioni, mentre alla seconda Edoardo Moni ripropone il suo Mago D'Arno. Alla terza ritorna l'entusiastico plotone formato da giornalisti e studenti universitari, che abbandonano per qualche ora libri e personal computer pronti a dare prova di perizia alle redini con Franziska Zs e Alberto Benvenuti nei panni dei probabili primattori. Con un occhio interessato ai monitor dell'agenzia che irradiano le immagini delle eliminatorie del Derby e uno alla pista, eccoci al cospetto degli esperti protagonisti della quinta corsa, un miglio che Galadriel Baba può risolvere sin dalle battute iniziali, nonostante le aggressive presenze di Gerus Rob e Esterel Rivarco, mentre alla settima si faranno ammirare dieci prestigiose coppie formate da anziani di vaglia e gentleman di talento, con Fedora Caf e Luigi Farina Jr in grado di tornare nel buen retiro di Lignano con l'alloro riservato ai vincitori. In chiusura merita attenzione Lory Gal, numero e guida ok per una femmina dalla classe superiore rispetto alla referenziata concorrenza.
E arrivederci a domani per il great event della stagione, quel Continentale che Varenne vinse nel 1999 e laurea grandi campioni.

Questa news è stata letta 433 volte dal 26 Settembre 2009