Ott 18

San Siro: il Jockey Club

Ippodromo MilanoDopo i bagordi della scorsa domenica, l’ippodromo di San Siro Galoppo propone un’altra grandissima giornata di corse, quella del Jockey Club. Un pomeriggio decisamente accattivante non solo per le tre corse di gruppo del programma, ma anche per le varie prove di contorno, riuscite tutte benissimo ed assolutamente impeccabili, sia dal punto di vista tecnico, sia da quello spettacolare. Saranno in sei a giocarsi il Jockey Club, gruppo 1 con sul miglio e mezzo che sfiora i 300.000 di dotazione, per un campo valido che offre non pochi spunti e motivi. L’inglese Halicarnassus e soprattutto Schiapparelli, ex tedesco passato alla corte della superpotenza araba di Godolphin, saranno il test internazionale per i due nostri più in vista, il vecchio Voila Ici e il giovane Jakkalberry. Per il primo questa corsa è sempre stato il suo target naturale e arriva qui rinvigorito dal successo ottenuto in terra di Francia; è un banco della verità pesante per il grigio della Incolinx, e se dovesse passarlo a pieni voti, ovviamente con un successo, allora si aprirebbero scenari futuri ai massimi livelli. Quasi sorprendente invece la presenza del 3 anni della Scuderia Effevi, che dopo il rientro con qualche piccola ombra, è stato mandato nella mischia da Endo Botti, uno che non rischia tanto per farlo. Una risposta assai interessante quindi, quella che si aspetta da lui, elemento dotato e di classe è vero, ma con qualche remora caratteriale da spazzare via, magari proprio nell’occasione più importante. Altrettanto bella l’edizione del Dormello, gruppo 3 per le femmine di 2 anni sul miglio, in una specie di match Italia-Germania. Le teutoniche Alpacina, Nicea e Parisella, che avrà Frankie Dettori ai comandi, arrivano cattive, ma le nostrane milanesi Blessed Luck, Hantha e Cronsa, più qualche romana interessante, terranno ben alta la nostra bandiera. Pochi invece quelli di scena nell’Omenoni, il gruppo 3 per i velocisti sulla distanza minima che chiude la giornata, con solo sei elementi al via capeggiati dall’immarcescibile Titus Shadow, che ha una buonissima occasione per rimpinguare il suo bottino già straordinario. Da non dimenticare poi altre due splendide corse come il Carlo Porta e il Madonnina, sempre terrificanti per l’equilibrio delle forze in campo e per l’alto tasso spettacolare che promettono.

Questa news è stata letta 529 volte dal 18 Ottobre 2009