Dic 6

L'inverno a San Siro

Trotto GenericaLunedì 7 Dicembre, nel giorno dedicato a Sant’Ambrogio, santo patrono della città, va in scena una gran bella riunione di corse che vede nel Gran Premio d’Inverno, la prova principale. Il Gran Premio d’Inverno ha perso un po’ del suo antico splendore. La prima edizione della corsa si disputò nel 1925 e nell’Albo d’Oro si possono leggere nomi come quelli di Oriolo, Tornese, Une de Mai, Wayne Eden che sono dei pilastri portanti del nostro Trotto. La corsa ha perso progressivamente nel tempo parte del suo fascino ma l’edizione di quest’anno risale la china ed oltre ad avere tra i partecipanti un campione del calibro di Ghiaccio del Nord, seppur in fase di ripresa, presenta un intricatissimo campo dei partenti. Sinceramente risulta difficile capire come una corsa del genere non possa essere stata designata come Corsa Tris straordinaria. Ma questo è un altro discorso. Tornando alla corsa è inutile dire che il pronostico dipenderà dalla condizione di Ghiaccio del Nord. L’allievo di Bellei può mettere in campo uno spunto di caratura superiore ma bisognerà vedere come si è ripreso dal lungo periodo lontano dalle piste. L’impressione lasciata nel Nazione, di fronte ad altri avversari è stata più che buona ed il ruolo di favorito dovrebbe competergli. Ricordiamo che lo scorso anno mise tutti in fila con i successi a seguire in Duomo, Due Mari, Città di Montecatini e Campionato Europeo. Per cercare gli avversari più pericolosi per il figlio di Bon Vivant bisogna rimanere nel secondo nastro dove troviamo Irambo Jet, vincitore del Campo di Mirafiori, ed Irving Rivarco, terzo ne3l Turilli. In sulky i protagonisti di sempre, Ghiaccio con Bellei, Irambo con Vecchione e Irving con Gubellini. Molto vicini a questi troviamo Fitzgerald Bigi che, dopo due successi in Francia, si è piazzata nel Grassetto e nel Vittoria, e tre giovani di belle speranze come Libeccio Grif, Lotar BI e Livio del Pri, che sono stati protagonisti di spicco nelle classiche della generazione. Lo start conta tra gli altri Dorno, vincitore di una passata edizione di questa corsa, anche se il cavallo che susciterà più interesse è Fu Mattia Pascal, dopo il posto d’onore nel recente Palio dei Proprietari che ha impressionato un po’ tutti. Una corsa che ha perso l’aspetto classico di qualche tempo fa ma presenta una gran bella corsa dove qualità e quantità trovano finalmente un punto d’incontro.

Questa news è stata letta 519 volte dal 6 Dicembre 2009