Gen 26

Arcoveggio: nel segno dei puledri

Ippodromo BolognaDopo la vittoria shock di Genarelay Like nel clou di domenica, tornano le corse all'Arcoveggio per un mercoledì all'insegna delle giovani leve, star del terzo evento di un palinsesto ricco di buoni spunti tecnici che dalle 14.30 sino a pomeriggio inoltrato terrà desta l'attenzione sulle tribune dell'impianto felsineo e nelle sale scommesse della penisola. Un miglio per sei, con prospetti dal promettente futuro pronti a darsi battaglia in un campo partenti caratterizzato da un estremo equilibrio tattico, questa la cartolina dall' eccellente clou il cui pronostico non esclude a priori nessun elemento. Buon numero e forma al top, fanno della romagnola Noblesses una interessante proposta in chiave podio, mentre la sua vicina di schieramento Notte di Note mette in campo professionale regolarità di servizio e guida di primordine come Lorenzo Baldi, poi, al post tre, attenzione all'ardette Noblesse Roc, atout targato Cecere con Di Nicola in regia, mentre il betting predilige No Fear, ennesima freccia nella capiente faretra del duo Ehlert/Vecchione con il piemontese Navajo Wind nel ruolo di prestigiosa sorpresa. Anziani d'elite nel sottoclou, un miglio posto come settimo appuntamento del pomeriggio, con sette coppie al via e una vasta rosa di candidati al successo, dal recente dominatore in campo Tris, Larice Jet, al campione Daddy di Jesolo, passando per la ritrovata Lena Di Azzurra e per la novità di marca piemontese Leyra By Pass. Ouverture alle 14.25 in compagnia dei tre anni con otto soggetti dietro le ali della macchina e un affidabile favorito in Nikita Trio, leggiadra femmina in giubba Trio con Marcello Di Nicola in sediolo, mentre mezzora dopo Frà Cavallo e Michele Canali si prenotano per un ben remunerato trasferimento nei due giri di pista e alla quarta Vecchione e Milonguero Ors paiono i più seri candidati alla vittoria. Buoni anziani daranno vita alla quinta con pochi punti fermi e tante incognite, la forma di Gunny Gual, per esempio, oppure la tattica della veloce Lyndemar Trio, attesa ad una performance convincente dopo un inverno lontano dai suoi standard di rendimento, senza dimenticare che Favonio Rl è stato giovane giovanile e che Gavoi ha spesso frequentato compagnie di elevato standing, mentre alla sesta brilla la carica agonistica del veneto Iper Wise e alla ottava si segnala Miracle Bieffe, toscano doc con Sandro Capenti alle redini.

Questa news è stata letta 570 volte dal 26 Gennaio 2010