Giu 6

Fine settimana internazionale

Testimone che passava da Epsom a Chantilly in un susseguirsi di prove storiche e al massimo livello tecnico. Due derby addirittura, quello storico di Epsom che è rimasto sulla distanza dei 2400 metri e quello di Francia che da un paio di stagioni ha trovato mirabile collocazione sui 2100 metri, sancita dall'accoppiata dello scorso anno Shamardal e Hurrican Run. La due giorni di Epson è iniziata con l'acuto fatntastico di Alexandrova che ha fatto sue le Oaks in maniera dirompente nelle mani di Kieren Fallo e per il traning di Aidan O Brien. Costruita per essere classica la figlia di Saddler Wells con nonno Shirley Heights ha seminato Rising Cross e Short Shirt sulla quale nel giorno che conta ha ribaltato l'esito delle Musidora. Alexandrova potrebbe essere una tre anni in grado di andare lontano perchè ha ancora margini di crescita. Sicuramente si confermerà eccezionale campione Shirocco che non ha fallito nelle Coronation Cup disponendo nelle mani di Soumillon e per il training di Andrè Fabre della coriacea e mai doma Oujia Board generosissima ma inferiore forse al rivale che può puntare alla King George. Finalmente nel pomeriggio di sabato il Blue Ribbon, un tempo di mercoledi.Sir Percy alla lunga è forse il tre anni ma anche il due anni a suo tampo più significativo in circolazione. Aveva concluso nelle Dewhurst , ha riaperto con il piazzamento importante nelle Ghinee e finalmente nel Derby si è concesso a pieno delle sue potenzialità. Forse non sarà un fuoriclasse ma certamente è il più serio e costante tre anni in circolazione, sotto la regia di Markus Trekoning interpetato da Dwyer ha messo in riga i più accreditati avversari, tra i quali purtroppo si incidentava al punto da dover essere abbattuto il povero Horatio Nelson. Falliva finendo quinto il caldo favorito di Andrè Fabre con la giubba dell'Aga Khan Visindar. Alle spalle del vincitore in strenua lotta un gagliardo Dragon Dancer su Dylan Thomas regolare e Hala Beck. Da Epsom a Chantilly dove in una giornata che vedeva Fallon vincere il Gros Chene per velocisti con Moss Vale mentre il prix du Chantilly per anziani classici non sfuggiva a Policy Maker con Pasquier, tutti i binocoli erano puntati sul prix du Jockey Club , il derby di Francia appunto adesso sui 2100. Al termine del dibattito prepotente affermazione di Darsy che subito ridava il sorriso all'Aga Khan che aveva appena perduto quello di Epsom. In sella all'allievo di Royer Dupre era Cristophe Soumillon che pennellava il suo allievo con tempismo eccellente. Best Name era seocndo laciando in stretta foto gli altri per il terzo posto conteso tra Arras, Art Deco e Numide che aveva perso qualcosa in avvio. Purtroppo nion riusciva a trovare il varco in retta Olympian Odyssee dopo il bel terzo posto nelle Ghinee e per l'italiano allevato da Franca Vittadini non c'era niente da fare.

Questa news è stata letta 923 volte dal 6 Giugno 2006