Set 4

Capannelle: oltre 100 pomeriggi da vivere fine a Giugno

Ippodromo CapannelleSi ricomincia. Capannelle e il suo pubblico, un rapporto che va mantenuto, intensificato, fidelizzato. Attraverso la materia prima indispensabile: le corse belle e di qualità, il brand della domenica e non soltanto. Una tradizione che si rinnova, un rito che si ripropone. Dalla prima domenica di settembre il vostro ippodromo vi terrà compagnia quasi tutte le domeniche e le festività fino all’inizio di giugno. Una lunga…. Galoppata attraverso corse dal fascino antico e sempre attuale, là dove la selezione si consuma nella maniera più alta. Capannelle e il suo confort, la sua accoglienza che non vuole e non deve venire mai meno. Non solo corse per l’appassionato ma anche un habitat che dai rinnovati servizi di ristoro passa per il tradizionale parco giochi per i bambini con il relativo intrattenimento, alla terrazza derby, allo schermo gigante, a tutto ciò che permette di vivere un pomeriggio diverso e completo ovviamente in compagnia dei cavalli. Cosa ci riserva la prima domenica dell’anno, meglio della stagione che va ad iniziare? Sette corse con la ciliegina finale della corsa tris straordinaria. Tre prove per i due anni che in autunno, a Roma, vivono il loro grande momento, una corsa per i soli tre anni ed un’altra per i soli anziani e due per il confronto intergenerazionale. Si correrà dai 1500 metri ai 2100, due volte in ricca condizionata, una in tradizionale Hp, una con i maiden alla ricerca della prima affermazione e per tre volte nel tentativo di decifrare il rebus delle perizie. L’handicap di Autunno è tradizione, anticipa di fatto la stagione climatica, annuncia la selezione insieme allo spettacolo. Saranno in 11, il numero giusto per rendere la corsa intrigante e nello stesso tempo selettiva e sincera. Per 2000 metri sarà battaglia che sfuggirà a qualsiasi pronostico tra una serie di cavalli abituali in questo tipo di corsa. Si andrà dal peso appena sopra i 60 chili di Ravilious fino ai leggeri Magic Love e Tillerdan femmine audaci ma in grado di lottare la corsa come del resto tutti gli altri che sono Renaione, Subitodopo e Anice Stellato tra i primi della scala e consueti con queste battaglie imitati da Ramitelli, Maimonides, Slowburn, Silver Eyes e Daylang. Bella, una bella corsa da centellinare, da gustare come si fa con un bicchiere di pregiato liquore. Accompagnato magari da un prezioso sigaro che idealmente assume le sembianze dei protagonisti, anziani e giovanissimi, delle due sostanziose condizionate. Tra i due anni, solo femmine, saranno i 1500 a fare la selezione magari in vista anche del successivo Repubbliche Marinare. Dovremo scegliere tra le varie, sette in tutto, Black Raja, Desert Version, Ghostly Yeald, Giu La Testa, Queen Byron, Rebecchina e Rivabella. Un gruppetto di puledre giù ben collaudate che chiedono a questa prova una sorta di ideale passaporto per provare, le primissime, a continuare a pensare in grande. Ciò che da sempre fanno i protagonisti antichi del tradizionale Vanoni sui 1800 per anziani, nove nomi ben noti, alcuni in marcia anche in estate altri che lo rifanno adesso. Per tutti la ambizione di obiettivi anche importanti. Iniziò in questo periodo lo scorso anno la escalation di Silver Arrow culminata nel trionfale Ribot di novembre. Permesso è stato, nel suo giorno più bello, secondo di derby, Occhio Della Mente è il tre anni che può in autunno segnare grande progresso, Johannes Mozart non ha mai tradito ad alto livello, come sovente Amante Latino e Galidon è certamente cavallo di grandi mezzi e qualità. Davvero una corsa da gustare anche in questo caso con la dovuta attenzione e fin dal momento dei preparativi. Il tutto avrà inizio alle 14,40 e culminerà alle 18,05 nella corsa tris straordinaria, un miglio per soli tre anni con 16 protagonisti nelle gabbie dal peso massimo Storm Of Wind che nei suoi trascorsi vanta una listed fino ai leggeri Hiresh, Fabulous King e Whiggamore.Cosa altro chiedere ad un bel pomeriggio di corse? Buon divertimento.

Questa news è stata letta 547 volte dal 4 Settembre 2010