Set 9

Merano: verso la Gran Siepi

Ippodromo MeranoL’ombra lunga della Repubblica Ceca si allunga ancora una volta sul massimo appuntamento di Maia sugli ostacoli bassi. Negli ultimi quattro anni la Corsa Siepi di Merano – comunemente la Gran Siepi - è stata affare loro, e anche quest’anno sarà dura invertire la rotta. Più precisamente, servirà una serie di circostanze inattese – della quale comunque la storia delle corse è zeppa – per negare a Royal Mougins il terzo centro nella prova, dopo le affermazioni del 2007 e dell’anno scorso.
Siamo orfani di Frammassone, il miracolo dell’Amalita che se le dinamiche ippiche fossero algebra avrebbe tenuto entro i confini il titolo. Lo ha detto la Gran Siepi d’Italia dello scorso giugno, quando al pupillo di Contu si è dovuto inchinare anche il Royal. Non c’è neppure Gimmy, che in veste di saltatore ha reso al di sotto delle aspettative e ha gettato la spugna. E non c’è nemmeno Paracchini, il diesel di Vana unico (oltre naturalmente a Frammassone) negli ultimi anni in grado di sgambettare Royal Mougins.
Ma bando a quello che sarebbe potuto essere e vediamo quel che probabilmente sarà sui 4.000 metri dell’otto meranese. Dovrebbero essere sette i nomi ai nastri di una corsa con matrice internazionale (nonostante il forfait dei francesi) considerata la calata di due tedeschi targati Schnakenberg e l’annunciata presenza del dormelliano Dannecker.
Il rivale più pericoloso di Royal pare Charccari, altro ceco, motore potente e attitudine alla spregiudicatezza nello sviluppo di gara: salvo sorprese sarà lui a dettare i ritmi della marcia e non ci sarà il rischio di cadenza blanda. Tra il resto, Charccari è runner-up di Royal Mougins nel Premio Azienda di Soggiorno di tre settimane, nonché secondo (di Paracchini) nella Gran Siepi meranese del 2007. Stesso passaporto hanno Makalde e Charley. Il primo è di Olehla, ha mostrato progressi nel suddetto Azienda di Soggiorno nel quale ha chiuso buon terzo. Il secondo vien da Vana e ha approcciato a questa corsa da altra rotta, ha provato con successo lo steeple (ha vinto il Pollio) e ora torna ad abbassare la mira. Attenzione, perché ultimamente ha ottima confidenza con il palo.
I due di Schnackenberg sono Soverness e Nuevo Leon. Soverness lo si è visto, anche lui, nell’Azienda di Soggiorno, quarto senza infamia e senza lode. Nuevo Leon a Maia ha già colpito anche se in compagnie meno elitarie, l’ultima volta a maggio. Se dovesse rimanere a contatto dei primi diventa pericoloso, dotato com’è di impressionante cambio di passo.
Abbiamo lasciato per ultimo Dannecker, alfiere della Dormello Olgiata e nell’occasione unico rappresentante della forma italiana. Non è un fuoriclasse, è alterno, però se azzecca la giornata dritta potrebbe rimediare applausi.

Probabili partenti LVI Corsa Siepi di Merano – domenica 12 settembre
LVI CORSA SIEPI DI MERANOeuro 82.000gruppo 1 - per 5 anni e oltre - 4.000 metri

CHARCCARI - 65 J.Faltejsek
CHARLEY - 65 J.Bartos
DANNECKER - 65 X.Hondier
MAKALDE - 65 P.Tuma
NUEVO LEON - 65 P.Johnson
ROYAL MOUGINS - 66 J.Kousek
SOVERNESS - 65 D.Fuhrmann

Altri iscritti : ALARM CALL(68), ASSELIN(65), DOLLAR JACK(65), KANDINSKIY(66), LIEVITO(65), TARAKAN(66).

Questa news è stata letta 642 volte dal 9 Settembre 2010