Set 14

Vinovo: Non Solo Marangoni

Ippodromo TorinoL’ha detto Luigi Truccone, da Vigone a pochi passi da Pinerolo nella terra torinese dei cavalli per eccellenza, subito dopo l’arrivo: “… se dopo il Costa Azzurra di La Dany Bar ero al settimo cielo, ora sono sopra il decimo..!”.
E come dargli torto? L’allevatore piemontese ha appena raccolto l’ennesima gemma di una stagione infinita, Non Solo Bar ha appena centrato a media di 1.14.8 il Gran Premio Marangoni trofeo Decathlon sul tracciato di casa e sentirsi “leggeri” diventa a questo punto una sensazione inevitabile.
Che bella giornata all’ippodromo di Vinovo, incentrata sulle due classiche per la leva dei tre anni ormai prossima alla kermesse romana del Derby e scandita dalla dimensione da assoluto protagonista di Marco Smorgon.
Il trainer – driver di casa ha trovato il successo nella prova clou su Non Solo Bar, dopo aver attaccato al termine della curva finale il leader Nad Al Sheba, in breve al comando e protagonista di uno svolgimento tattico più che mai azzeccato, dopo il quale il risultato finale sembrava in cassaforte. Eppure la vena del cavallo di casa Baroncini non sembra essere quella di qualche mese addietro, l’attacco di Non Solo lo ha letteralmente sfiancato e alla fine Nad è finito addirittura fuori dal marcatore, vittima di un calo repentino. Non solo Bar ha invece tenuto botta fino alla fine, contenendo il finish in mezzo alla pista di Negresco Milar e Nieves Vl, finiti in trio nell’ordine, mentre quarto è terminato l’altro nome atteso Nesta Effe. Enrico Bellei ha provato fine alla fine a spuntarla, dimostrando di avere davvero sette vite. Terzo in corda lungo lo svolgimento e murato a destra in arrivo, il Cannibale “enrico Bellei” ha cercato lo spunto all’interno, impattando sulla conversione di Non Solo Bar e rimanendo scottato dal verdetto finale, recriminando per la traiettoria a scendere del rivale che in qualche modo l’ha danneggiato. La giuria alla fine ha decretato l’ordine elencato ed il successo di Non Solo Bar è sembrato legittimo.
Grande festa in premiazione di tutto l’entourage di Marco Smorgon e dell’allevamento Bar con il Dott. Riccardo Acciai Segretario Generale dell’Unire a sancire il successo.
Per Marco Smorgon – protagonista anche per l’inedita camera car applicata sul suo casto - una vera e propria ciliegina sulla torta perché poco prima aveva centrato anche il Filly da allenatore grazie al successo di Noriana Rosso a media di 1.13.3. Il palato del buon Marco sarà stato invaso di un sapore dolceamaro, il totalizzatore aveva infatti indicato lui e Narrazione quali favoriti, ma la cavalla ha sbagliato allo stacco e le sue sorti sono finite lì. Una volta al comando Noriana non ha mai dato l’impressione di poter perdere e l’arrivo in passerella ha confermato il tutto, decretando anche un teorema: Giuseppe Pietro Maisto, l’interprete, ha davvero un rapporto speciale con Torino e la sua pista. Dodici mesi addietro aveva centrato il Marangoni open su Mind Wise As, sempre sotto il colori della Bivans di Antonio Somma. Tutti sono avvertiti per domenica prossima, quando nel Campo di Mirafiori il driver napoletano salirà sulla stratosferica Ilaria Jet.
Ma prima di domenica prossima, con il week end dedicato alla Campania, ai buoni cibi napoletani da sottolineare l’inaugurazione della mostra fotografica sul Conte Camillo Benso di Cavour, apprezzato dai libri di storia in qualità di statista e mai conosciuto quale gran uomo di cavalli. L’importante mostra rimarrà accessibile tutti i giorni fino a domenica 19 settembre presso il salone al primo piano della tribuna.
Serve altro? Appuntamento tra sette giorni i “magico” settembre dell’ippodromo continua.

Questa news è stata letta 654 volte dal 14 Settembre 2010