Mag 26

Anche l’Esercito a Piazza di Siena

maggiore guarducciL’Esercito Italiano sarà presente alla 79^ edizione del concorso ippico internazionale di Piazza di Siena che si svolgerà a Roma dal 26 al 29 maggio 2011.
Un appuntamento consueto per la Forza Armata che vanta una lunga tradizione nel campo dell’equitazione. Le origini della cavalleria dell’Esercito, infatti, risalgono alla seconda metà del seicento. Ad esempio, la storia del reggimento “Genova cavalleria” (4°), unità esistente e pienamente operativa con sede a Palmanova (UD), ha inizio nel 1683. Oggi i reggimenti di cavalleria sono dotati di moderni mezzi meccanizzati e regolarmente impiegati sia nelle missioni internazionali sia nelle operazioni sul territorio nazionale.
A rappresentare i colori della Forza Armata a “Piazza di Siena” sarà il maggiore Francesco Guarducci su “Pupillo dell’Esercito Italiano”, un cavallo prodotto nella storica sede del centro militare veterinario di Grosseto istituito nel 1870.
Il binomio, che concorrerà nella categoria “cavalli di sette anni”, proviene dal centro militare di equitazione di Montelibretti, un polo d’eccellenza depositario delle tradizioni sportive dell'equitazione militare italiana. Nei suoi 180 anni di vita, ha annoverato tra le sue fila nomi che hanno fatto la storia di questo sport quali i fratelli D'Inzeo, Angioni e Oppes. In particolare, il colonnello Piero D’Inzeo ne è stato comandante dal 1977 al 1981. Il contributo del centro si estende anche al servizio di mascalcia, attività rara e indispensabile fatta di strumenti e gesti antichi.
Sabato 28 maggio, nel pomeriggio, il comandante del centro militare di equitazione, colonnello Max Andrè Barbacini, consegnerà un premio a un cavaliere classificato nel “piccolo gran premio”. In serata, lo squadrone a cavallo del reggimento Lancieri di Montebello (8°) eseguirà il celebre carosello di lance: una serie di movimenti coordinati di gruppo effettuati tenendo le redini con una sola mano (l’altra tiene la lancia lunga oltre due metri).
Domenica 29 maggio, alle ore 15.30 circa, il comandante militare della Capitale, generale di corpo d’armata Mauro Moscatelli, riprendendo una tradizione interrotta da tempo, premierà un cavaliere classificato nella categoria “cavalli di sette anni”.
Gli enti della Forza Armata dotati di cavalli tengono in vita l’enorme patrimonio di tradizioni e conoscenze dell’arte dell’equitazione che giungono da oltre tre secoli di storia della cavalleria dell’Esercito e, oltre a svolgere compiti prettamente militari, effettuano anche corsi di ippoterapia per bambini diversamente abili.
I Lancieri di Montebello, infine, allestiranno uno stand espositivo che ha per tema la cavalleria militare nei 150 anni dall’unità d’Italia.

  IL CAPO UFFICIO COMUNICAZIONE
(Col.a. (c/a) s.SM Marco MARINI)

Questa news è stata letta 494 volte dal 26 Mag 2011