Giu 1

Capannelle: il grande congedo

Ippodromo CapannelleFesta nazionale. Anche alle Capannelle. Non si poteva immaginare congedo più accattivante, interessante, spettacolarmente tecnico di quello che andrà in scena nel pomeriggio della festa della Repubblica. Forse ad una giornata cosi bella manca ancora soltanto una corsa, proprio il Presidente della Repubblica che troverebbe cosi la sua collocazione ideale in tutti i sensi permettendo anche di andare con il pomeriggio al di la del semplice fatto ippico. Gran finale dunque, a seguire resteranno per gli appassionati ancora quattro giornate feriali prima della consueta sosta estiva pronti però a ripartire ai primi di settembre. Quella del due giugno è una delle sei o sette grandi giornate che Capannelle regala al suo pubblico. In attesa del Repubblica ecco due listed per i giovani, le più intriganti, ecco ben tre HP di rara spettacolarità, ecco la tris delle 14, e a condire il tutto una condizionata di spessore per i tre anni sul miglio e un altro handicap. C'è solo l'imbarazzo della scelta, il divertimento è assicurato. Il Perrone ricorda in Sandro non soltanto il proprietario direttore editore di un giornale che a Roma è storia ovvero il Messaggero ma anche un ippico doc, cavaliere, proprietario e allevatore. E' listed giovanile riservata alle sole femmine, un must, un passaggio obbligato per pensare in grande come insegnano tra i tanti i nomi di Rolly Polly e Magritte. Ci provano in otto: Crazy Duck, Killachy Loose, Light Lustre, Miss Dada, Murra Niedda, Noble Hachy, Tacma e Yarkant. La vincitrice sarà per forza una protagonista e certamente una ottima cavalla. Al Perrone rosa risponde il Giubilo per i maschi, entrambe le corse sui 1100. Alberto è nella storia del turf, dell'ippica meglio. Ne è stata la voce ma insieme la coscienza critica, il divulgatore di passione, il maestro di tutti. Sei i maschi che anche da qui iniziano carriera importante: Abruzzo Nel Cuore, Blu Air Bally, Guccione, Peccato Di Gola, Rivertime, Vedelago. Due listed imperdibili ma insieme grande spettacolo con i tre HP super. Il Ricchi, grande allevatore e proprietario di antica e squisita signorilità, sarà di unica emozione e anche di estrema qualità: Back Hunting, Rebecca Rolfe, Simery Creek che osa per la leggenda, Golden Joker, Ekin, Thinking Robins, Shabi, Elusive Force e gli altri sono tutti nomi di spicco assoluto, raramente un HP è cosi qualitativo. In dodici sui 2000 del Tullio Mei, il direttore per antonomasia e per tantissimi anni di Capannelle, li capeggia Silver Arrow ma ci sono Sopran Prince, Piterino, Boz, Brissago, Erodoto, Faidibiri, Status, Blue Fall, Fabulous King insomma un'altra corsa di assoluto prestigio come anche il Tor di Valle per i soli anziani sul miglio, in nove: Fancy Beat, Martilzo, Authentic, Golden Down, Salisburgo, Blow Up, Gladius, World Time e Angelina. Davvero non resta che vivere a pieno questa splendida giornata senza dimenticare la tris alle 14, una volata tutta di un fiato sui 1100 metri con in campo i tre anni e in ben 15 capeggiati da Queen Byron e Wayfarer e con una scala ricca che va dai 61 ai 50 chili. Che la festa cominci!

Questa news è stata letta 555 volte dal 1 Giugno 2011