Mar 12

Sulas: Fairplay toscano

Ippodromo San RossoreUn importante riconoscimento, che coinvolge positivamente l’intera ippica italiana, è venuto dal Panathlon Club International della Toscana che ha assegnato al fantino Salvatore Sulas il premio ‘Fair Play Toscana’ per il comportamento tenuto nel corso della sua carriera sportiva. In un momento di gravi difficoltà per l’ippica e di campagne stampa spesso negative, è significativo che proprio a un fantino, fra i rappresentanti di tanti sport, sia stato riconosciuto un comportamento esemplare per onestà e correttezza. Tanto più in uno sport così spiccatamente competitivo qual è la corsa dei cavalli. La cerimonia della consegna del diploma d’onore è avvenuta a Siena, presenti il presidenti del Panathlon Club International, Enrico Prandi e la referente per la Toscana, Nicoletta Ciangherotti. Dopo una lunga e attenta istruttoria, il Panathlon Club International aveva passato all’esame finale cinque soggetti, tre ‘per il gesto sportivo’, due per il comportamento complessivo nella carriera. In questo secondo gruppo, con Salvatore Sulas, era in ballottaggio con Laura Perinti, una maratoneta molto nota, più volte campionessa italiana. Ha infine prevalso Sulas, trent’anni, 703 corse vinte al 31 dicembre 2011 (oltre a duemila piazzamenti). Nella motivazione del premio è scritto: ‘Sulas si è sempre distinto per l’estrema correttezza in corsa, non danneggiando gli avversari ed accettando con assoluto spirito sportivo le decisioni assunte dai commissari addetti alla disciplina dei vari ippodromi nei quali ha corso. In uno sport competitivo e ad alto rischio qual è quello ippico, nel quale è nota l’imprevedibilità del cavallo, la correttezza in corsa è un elemento che denota un altissimo livello di fair play sportivo’. Dopo aver ricevuto il diploma, Sulas ha dichiarato: "Oggi per me è come aver vinto un Gran Premio".

Questa news è stata letta 517 volte dal 12 Marzo 2012