Apr 6

Capannelle: prove di gran premio

Ippodromo CapannelleFare di meglio sarebbe impossibile. Un pomeriggio come quello di Pasquetta è perfetto per il vero appassionato che voglia trascorrere una giornate tra i cavalli e le corse alle Capannelle. Tanti partenti, oltre 90, spettacolo finale garantito dalla tris riuscitissima, eccezionale edizione del tradizionale premio Cloridano, HP sui 1200 per i tre anni, volata indecifrabile per 13 protagonisti. Non solo, una maiden sui 2000 con la bellezza di altri 20 partenti. Tutto questo basterebbe già per definire splendida una giornata di corse ed invece si tratta soltanto del contorno perché il piatto forte è ben altro. Ultima chiamata per Parioli ed Elena, la più vera e seria, da qui spessissimo escono i futuri laureati delle due classiche. In programma Daumier che si corre nel ricordo indelebile di un grande come Mauro Sbarigia e il Torricola che vive nella memoria di una eccezionale signora del turf, Orietta Incisa. Ebbene questi sono i due trial più autorevoli per le classiche. Tutti e due sui 1600 e in pista grande ovvero sullo stesso tracciato del grande giorno, a fine aprile. Tra i maschi nel Daumier tra i sette in gabbia tutti i binocoli saranno puntati verso Vedelago che da solo nobilita la intera giornata essendo uno dei leader della generazione, con lui Gigino Polito vuole ripercorrere la strada di Libano con il quale vinse poi appunto il Parioli. Vedelago che è già rientrato vincendo è sfidato da Saint Bernard, Mamath, Nicketommaso, Strategic Game, Super Ruben e Thinkandlink ovvero da diversi vincitori o piazzati di listed e gruppi. Saranno di più nel Torricola, una dozzina e tutte logicamente femmine. Si nasconde tra di esse la vincitrice dell’Elena? Forse Aquila d’Oriente oppure Dark Ray, ancora Fata Romana oppure Vanity Woman e anche Just July con Floral Art. Sarà corsa bellissima e per la vincitrice strada in discesa verso la classica. A questo punto penserete che tutto sia concluso ed invece il magnifico pomeriggio, uno dei più attesi della primavera perché in caso di tempo e clima possibile è tradizione il tutto esaurito, ci riserva uno spazio di spessore anche per gli anziani. Tutte femmine e buone in condizionata sui 2000, undici al via e tra queste Rivabella, Wedding Fair, Pocket a Pound, Regina Mundi. Una corsa da gustare come il miglio con la dozzina in campo tra cui Abaton, Doquet, Le Vie Infinite, il ritorno italiano di Libano, Ransom Hope, Rio Black, Sleppy Allow, una magnifica corsa. Come il Cloridano per i soli tre anni sui 1200 in dirittura, HP di tradizione con in campo 13 protagonisti tra cui Oracle Force, Strepitosus, Star Force, Drive Trough, Rebecca Wawa, Jolly of The Race, Marmarole, Van Bom, San Aurora e Bridge Ville. Uno spettacolo come la tris finale, tutti anziani sul miglio e sul dirt nel numero massimo possibile di 16: Young Stack, Achrome, Bentu Nou, Milgaus, El Triplete, Gladius, Vistilia solo per nominarne alcuni. Che Pasquetta: sette corse, quattro condizionate, un HP, una maiden e la tris, quattro volte in campo i tre anni, cinque corse in pista grande, una in dirittura e una sul dirt, distanze da 1200 a 2000. Davvero un divertimento.

Questa news è stata letta 506 volte dal 6 Aprile 2012