Apr 13

Capannelle: corsa di gruppo, aspiranti classici e Laghat

Ippodromo CapannelleQuanti motivi accattivanti, interessanti, intriganti. Sono quelli delle domeniche di capannelle, non fa eccezione ovviamente neppure questa che stiamo per vivere. Di più, ci regala anche la prima pattern race della stagione, la corsa che ricorda in Carlo Chiesa una dei dirigenti e proprietari più moderni della nostra ippica. Con questa volata entusiasmante sui 1200 metri della pista dritta inizia la grande stagione di vertice del galoppo italiano. Una pattern è sempre una pattern ed in più questa tutta rosa e sui fascinosi 1200 ha sempre un sapore particolare, è perfetta vetrina e viatico insieme per diventare futura dotata fattrice. All’invito hanno risposto in 12, perfetto. Ci sono tre anni che possono anche guardare e subito al prossimo, due settimane, Elena. E’ già successo. E’ comunque il primo grande scontro intergenerazionale e questo ha la sua importanza e arricchisce la corsa di un ulteriore contenuto di selezione. Chi sono le magnifiche 12 ? Intriga e molto Noble Hachy che può essere qualsiasi cosa, questa può essere la sua prima tappa importante. Si era presentata come due anni spettacolosa, un incidente la ha tenuta lontana dalle corse, eccola di nuovo in grande spolvero alla prima prova della verità. Trova sulla sua strada una cavalla di classe sicura e dal palmares importante: Adamantina ha vinto il Dormello e un anno fa è stata seconda dell’Elena. Ebbene adesso, grazie a questa corsa, si inventa flyer e sarà splendido il suo duello con Noble Hachy ma, attenti, ci sono anche le altre e agguerrite. Ecco Star Kodiak che a due anni ha vinto il Pandolfi, ecco Extra che con la maturità ha iniziato una nuova vita volante, ecco le altre tutte sostanziose ovvero Ami Ami Chair, Belly To Belly, Desert Version, l’ospite Golconde allenata in Francia da Giuseppe e Alessandro Botti, Lady Story, Malikayah che seppe vincere il Divino Amore, Rebecca Wawa. Sarà una vera emozione. Come quando in pista scenderà Laghat che i veri ippici certo conoscono bene ma la cui vicenda e situazione ha suscitato emozione, partecipazione, commozione in larga parte della opinione pubblica. Laghat sarà in campo nella corsa riservata ai Gentlemen e alle Amazzoni, tra l’altro proprio ben riuscita e interessante e la sua partecipazione va al di la del mero momento agonistico ma si tinge di risvolti e significati sociali ben più ampi e importanti. L’aspetto tecnico ci offre altre due corse tutte da gustare. Le femmine di tre anni si misureranno nel Camuffo, nel ricordo di Lorenzo che fu indimenticabile ippico vero e a tutto tondo, ai 2100 la vincitrice chiederà il passaporto per pensare anche alle Oaks. Verrà fuori dal campo che comprende Angegreen, Delicatezza, Goya Luz, Mara Gibraltar, Mississipi Delta, Valvibrata. Saranno di più i maschi che sui 2200 avranno come retro pensiero forse anche il derby: Romantic Wave contro Roma Kitten ma non solo, ecco Bit of Hell, Grecale, Il Romito, Javier, San Roberto, Tuscolano e Write The Future. Sette saranno le corse, una pattern, due condizionate e quattro perizie, tre volte in campo i tre anni, una volta usata la pista dritta, quattro la grande, due il dirt, distanze dai 1200 ai 2400. Cosa si vuole di più da una bella domenica tra i cavalli e le corse?

Questa news è stata letta 698 volte dal 13 Aprile 2012