Apr 10

Arcoveggio: resoconto corse di giovedì

Ippodromo BolognaUn gradevole tepore ha accolto i protagonisti del giovedì all’Arcoveggio, affollato pomeriggio all’insegna delle belle corse, con perla finale rappresentata dalla corsa Tris, anche in edizione quarte e quintè contrassegnata dalla presenza di eccellenti individualità tecniche.
In diciassette nel rooster iniziale, gli attori del clou bolognese si sono ridotti di due unità per le defezioni causa rialzo febbrile di Milton Dante e Nojoda, con i favori di un netto pronostico per le vecchie conoscenza One Love e Vecchione e con Oci Ciornie Jet, Osprey Team e Ninguno scelti come valletti di un duo sulla cui vittoria non sorgeva il minimo dubbio. Dubbi che invece si materializzavano sin dalle prime battute di gara, con Isidoro Del Rio e Andreghetti a menar parziali e Oci Ciornie Jet al largo senza timore pedinato da Isaak Bi e Ninguno mentre alla corda il carneade Ocean Twelve precedeva Olcese As. Plotone disposto a gruppetti ed orfano via via di Ontherad Again, Nemesis Om, ed Onda Degli Ulivi, con Isidoro in cedimento ai seicento final ie Oci Ciornie nuovo leader sotto la monaccia di un incredibile Ocean Twelve, mentre Oklahoma Mn cercava un pertugio e gli altri arrancavano nel tentativo di rimanere in quota. In dirittura, brividi per Pistone e Oci Cionie con il palo a spegnere le velleità dell’arrembante Ocean avvicinato da Oklahoma, mentre Ninguno conquistava la quarta piazza e al quinto, Osiride Vit rendeva inaccessibile la vincita alla quintè. Quote di oltre cinquemila euro per la Tris e quartè a lievitare oltre i dodicimila, per la scommessa regina, appuntamento a data da destinarsi.
Apertura con i gentleman e bella affermazione per i toscani Lorenzo Alessi e Paris Jolly, in testa sin dalle prime battute e facili alla meta in un probante 1.16.6 sull’attesa Provenza e sulla lady Pussycat Francio, poi, alla seconda, autentico numero di Rombo Jet, deb di classe al via dal post tredici, presentato con la consueta professionalità dal duo Postone/Tufano e preminente in 1.15.4 su Real Mede Sm (Bellei) e Rinaldo Mp, con il ritorno in pista dei dilettanti a premiare il finish di marca toscana portato da Nevea Di Esposito e Sandro Gori. Sul podio in precedenza, il pluricampione italiano Enrico Bellei ha suggellato la quarta del pomeriggio grazie ad un coast to coast di buona fattura in partnership con Resia Jet in 1.14.9 su Renoir Grad e Rengada Jet, movimentatrice della contesa ed ancora tonica nelle fasi conclusive, mentre nell’handicap posto come quinta del giovedì, ritorno al successo dopo lunga eclissi per Olaf Om, Andrea Buzzitta in regia e tanto coraggio per sfuggire al forcing conclusivo di Magia Ek e Maestro, poi, delusione per la debacles di Pecchiaiolo Jet in crisi dopo percorso arrembante sulla battistrada e poi vincitrice Palmarivatekihova che in 1.14.5 ha irretito la agguerrita concorrenza lasciando a debito distacco Pin Speed Gad Sm e Paciugo. Aperitivo Tris, la settima, in compagnia degli anziani e di driver in vena di pillole di lezioni di classe, ha cominciato Andreghetti, proiettando Orientess all’avanguardia e sostenendone lo sforzo sino a pochi metri dal palo quando è entrato in azione Marco Stefani, incuneando Niagara Leo all’interno della leader per vincere in 1.15.3.

Questa news è stata letta 304 volte dal 10 Aprile 2013