Lug 29

Cesena: resoconto delle corse di venerdì

Ippodromo CesenaUn clou sulla media distanza riservato alle femmine di quattro anni, su cui troneggiava una terna formata da Peace Of Mind, Princess Kronos e Pulcinella Jet, citate in rigoroso ordine d’apparizione. Poche emozioni e vittoria in 1.18.2 per Peace Of Mind, cronaca scarna con l’allieva di Andreghetti subito in testa sull’avversaria dichiarata Princess Kronos e su Pulcinella Jet, tutte in fila indiana sino al mezzo giro finale, con un sussulto cronometrico dopo due giri alla camomilla in virtù del velleitario, quanto tardivo attacco di Princess alla leader, scatto che all’epilogo, le è addirittura costato il secondo posto a vantaggio di Pulcinella.
Prima sfida della serata, un miglio per tre anni con otto partecipanti ed en plein di scuderia per i due targati Congiu, Raggiodisole Bigi al primo posto con Battista Congiu in sulky e Rusty Play Girl al secondo posto sotto l’egida tattica di Antonio Greppi. 1.17.5 il ragguaglio assegnato al vincitore e terzo posto per il favorito Re D’Italia, piuttosto labile nelle fasi conclusive dopo prudente condotta di Afrim Schimidra. Alla seconda match al tot tra Nathalia Om e Osiride Ron, ma pronostico a carte quarantotto con la rottura della prima e la deludente piazza d’onore del maschio di Salvatore Valentino, per la vittoria ad alta quota e a media choc in 1.14.0, del duo toscano Ollolai/Greppi, mentre la scatenata leader Medusa De Mura ha completato il podio. Successo e record di 1.14.3 per Radenska D’Aghi alla terza corsa, con la femmina allenata da Valter Castellani e guidata da Marco Stefani in testa in un amen e poi a segno senza tatticismi, lasciando la piazza d’onore alla valida Runara e il terzo posto a Record Nord Fro. Alla quarta grande equilibrio al gioco, suite imbarazzante di rotture e ospiti in vetrina grazie al suggello di Pleiade e Ferdinando Pisacane, 1.15.7 per i veneti con Parker Om e Prometeo non lontani su Pot Limit Texas, alla medaglia di legno e buono per la prossima. Anziani di ottima levatura in pista alla quinta, preferenze piuttosto nette per Oriund D’Anerol, ma epilogo nel segno di Luther D’Asolo, veloce al via e tonico lungo il percorso agli ordini di Marco Stefani in sostituzione del neo papà Federico Esposito, con media di 1.13.6 ottenuta davanti a Miria Del Sile, sempre nella sua scia e Nubiana Guasimo, ritrovata dopo una lunga eclissi. Alla sesta duo made in Sicilia al primo posto, parliamo di Olaf Om e Santo Giordano mentre abbiamo assistito ad una lotta serrata per il podio con Istrione Rex su Impeto Dif, per un ragguaglio di 1.17.2 che ha reso impossibile il recupero ai penalizzati. In chiusura, leva 2010 in pista e coast to coast a media di tutto rispetto (1.15.2) per Rachele Blak, la pensionaria di Lorenzo Baldi si è dimostrata dominatrice incontrastata nonostante un leggero calo nelle fasi finali, per la cronaca secondo Regensbourg e terza l’attesa Rosa Pallida.
Per l’ultimo appuntamento con ETHNO SOIREE si sono esibiti i giovani ballerini dell’Associazione italo-filippina Mabuhay di Ravenna con due danze folk in costume.

Questa news è stata letta 353 volte dal 29 Luglio 2013