Set 25

Cinque bandiere sventolano sul 74° Gran Premio Merano Forst

Ippodromo MeranoEccoli, i magnifici undici a caccia di gloria. Nel solco della tradizione, il Gran Premio Merano Forst si apre all’Europa convogliando a Maia sogni e ambizioni che battono bandiere differenti ma accomunate da un linguaggio unico, quello della passione e dell’amore per l’ippica.
Maia ha cominciato a prepararsi al suo grande giorno con il rito della dichiarazione dei partenti sotto l’austero sguardo dei ritratti dei precedenti vincitori in sala peso. Chi raffigurerà il prossimo dipinto è tutto da vedere, perché il “Merano” presenta troppe incognite per avere un favorito netto.
E poi, a guardare la rosa dei pretendenti sono tante e tali le riflessioni che come sempre lasciare fuori qualcuno è difficile. Un gerarchia, almeno in linea di massima, bisogna comunque definirla e allora diciamo pure che in prima fila si posiziona il duo della Staj Evi. Il passaporto è ceko, i due stazionano nei box di Josef Vana Sr in repubblica Ceca, ma i titolari sono gli scaligeri Bottura. Un sodalizio che ha già mietuto successi a ripetizione. Meritano la prima citazione perché Imprezer è secondo della scorsa edizione nella quale Alpha Two è finito quarto, e perché hanno vinto le due prove classiche di preparazione, Alpha il Creme Anglaise e Imprezer l’Assi ex Unire. E pure perché Vana Sr è una vecchia volpe cui manca ancora il tassello del Gran Premio Forst e perché suo figlio e Fuhrmann sono due garanzia in sella. Pensiamo sia sufficiente per metterli in cima alla lista, anche se gli altri proveranno a smentirci. A partire da Frolon, il portacolori della scuderia Australia che ad oggi ha vinto a Maia niente di meno che il Grande Steeple d’Europa a giugno e la Gran Siepi di metà settembre. Quest’ultima, con un piglio da leader. Ha il dovere di crederci fortemente, ci crede Raffaele Romano e ci crede Paolo Favero, che gliene affianca altri quattro. Due sono ampiamente conosciuti, gli altri due inediti a Merano. Dar Said, con Bartos in sella e il fucsia di Favero indosso, si gioca carte importanti purché la distanza mai affrontata non diventi un problema. Ha vinto tanto, in carriera, gli manca l’exploit e le circostanze suggeriscono fiducia. Kamikaze con il giovane Pastuszka per la D’Altemps recita invece da outsider potendo a ogni modo sfoggiare un’ottima condizione. Poi, i due volti nuovi pescati in Francia. Garynella vestirà del biancorosso dei coniugi austriaci Ambruschitz: porta in dote un intrigante palmares di risultati in Francia, in particolare a Clairefontaine che con Maia ha qualche assonanza. Per lui dalla Francia è stato chiamato David Cottin che viaggerà Sylvain Dupuis, convocato da Ostanel per Zianabaa, cavallo dagli egregi esiti in buone compagnie, a Pau e pure ad Auteuil.
In pista scenderà anche la giubba Siba, vestita da Sylvain Mastain: Franco Contu presenta l’unica femmina del campo, Master Silvia, discreta l’anno scorso a Maia, ottima nell’inverno di Pisa e di Roma, ancora da ritrovarsi dal ritorno fra le montagne.
Infine, altri tre stranieri.
Luky D’Anjou è targato Cottin, unico rappresentante francese della lista per i colori di monsieur Clement Machado. Sarà montato da Kevin Nabet. Di primo acchito il curriculum non strabilia, però ha corso con risultati niente male anche in prove di livello. E poi Cottin di Maia conosce anche i fili d’erba per nome.
Alanco è il “nonno” (12 anni) della compagnia, tedesco cui piace girare qua e là, ha già in bacheca il Grande Steeple svedese ed è quarto di recente in quello delle Fiandre. Riporta a Maia il jockey Chevin Chan, piaciuto nella Gran Siepi.
A chiudere, Demon Magic. Sarebbe potuto stare in cima alla lista. Il dottor Olehla, suo trainer, di “Merano” ne ha già vinti due, ha provato a nascondere il suo Demon ma questo del “black horse” ha solo le sembianze, ovvero il mantello nero. Perché quest’anno offre sì solo un’anonima prestazione primaverile da queste parti e una caduta in Polonia, ma dodici mesi fa è terzo del gp di Rigoureux. Chi ci dice che non sia giunto il suo momento Magic?
74° Gran Premio Merano Forst (steeple-chase – 5.000 metri – 250.000 euro – Gruppo 1)
cavallo jockey allenatore proprietario nazionalità
1 Alanco C. Chan O.W. Seiler Stall Steintor GER
2* Alpha Two J. Vana Jr J. Vana Sr Staj Evi CZE
3 Dar Said J. Bartos P. Favero P. Favero ITA
4 Demon Magic J. Myska C. Oleha Jiri Charvat CZE
5 Frolon R. Romano P. Favero Australia ITA
6 Garynella D. Cottin P. Favero Scuderia Magog ITA
7* Imprezer D. Fuhrmann J. Vana Sr Staj Evi CZE
8 Kamikaze de Teille D. Pastuszka P. Favero D’Altemps ITA
9 Luky D’Anjou K. Nabet F.M. Cottin C. Machado FRA
10 Master Silvia S. Mastain F. Contu Scuderia Siba ITA
11 Zianabaa S. Dupuis P. Favero Scuderia Ostanel ITA
*Rapporto di scuderia
Pesi: tutti i cavalli portano 67,5 kg
Prevendita
I biglietti per il 74° Gran Premio Merano Forst possono essere acquistati in prevendita nella sede della Merano Galoppo, in via Scuderie 37 (Borgo Andreina – ore 8-12) e agli sportelli dell’Azienda di Soggiorno di Merano (corso Libertà 45).
Saranno inoltre in vendita all'ippodromo nel pomeriggio di corse di venerdì 27 settembre.
Prezzi: biglietto intero: euro 12,00 - biglietto ridotto: euro 9,00 (12-18 anni, pensionati, militari, possessori di Guest Card)
Ulteriori informazioni: www.merano-galoppo.it

Questa news è stata letta 569 volte dal 25 Settembre 2013