Ago 12

Merano: le corse di domenica 14 e lunedi' 15 Agosto

Ippodromo di Merano ( FOTO PRESS ARIGOSSI )Il grande Ferragosto di Merano Domenica 14 sette corse con ricco programma di intrattenimenti di contorno Lunedì 15 il clou del piano per jockey professionisti (Premio Ebf Terme Merano con l’arrivo tedeschi e slovacchi ma anche il Premio delle Alpi-Green Monster) e il primo test sulla strada del Gran Premio Merano Alto Adige con il rientro di Alpha Two

Due intense giornate di corse e iniziative collaterali per il meeting di Ferragosto a Maia. In ciascuna delle due giornate alternanza fra corse in piano (per jockey professionisti ma anche per G.r. e Amazzoni) e in ostacoli, musica dal vivo nel parterre (domenica 14 Sandro Grinzato e Maurizio Degasperi; lunedì 15 Evi Mair e Luis Zöschg + Luise Lutt e Maurizio Degasperi), nonché giri pony per i bimbi.

Domenica 14 agosto in programma ulteriori proposte di intrattenimento:
- Snack tirolese e birra in omaggio per ogni ticket d’ingresso acquistato.
- Alle 14.20, prima dell’inizio delle corse, il pomeriggio sarà aperto dall’esibizione “Goasslschnoeller”, gli “schioccatori di frusta” tipici del Sudtirolo.
- Alle 14.30 seconda edizione della “Haflinger Racing Performance”, una staffetta che vedrà impegnati vari jockey e amazzoni prima correndo (con handicap a sorpresa) e poi, ceduto il testimone, in sella ai cavalli Haflinger. Una gara che non mancherà di divertire il pubblico.
- Alle 15.15, tra la prima e la seconda corsa, esibizione di aeromodellismo a cura del MTM-Modellsport Team Merano
- Alle 16.35, tra la terza e la quarta corsa, si correrà il Premio Haflinger d’Estate dedicato ai biondi cavalli, preceduta da un altro show degli “Goasslschnoeller”.
- Alle 17.35 atterraggio parapendio in pista del team Tirolfly Adlerhorst.
- La sera al termine delle corse (ore 19 circa), la zona del tondino ospiterà un “aperitivo lungo” con buffet sulle note di Dj Paolo Sginzo.

LE CORSE DI DOMENICA 14 AGOSTO ( sette corse dalle ore 15.00 alle 18.55)
Sette corse - e oltre 60 partenti - così suddivise in programma domenica 14 agosto: due in ostacoli (una siepi e un cross) e cinque piane, tre delle quali per professionisti e due per amatori.
I due clou in apertura e chiusura di pomeriggio: Premio Fiorio per l’élite dei saltatori di 3 anni e Premio Bolzano, classica in piano sui 2.400.
Nel Premio Fiorio (sette partenti sui 3.300 per 16.500 euro) si rinnova il duello primaverile fra Amaranthus e Golden Hello, pupilli rispettivamente di Romano e di Favero, confronto che al momento privilegia il primo. Incrociano per la prima volta la strada di Leitrim Traveller del team Bianco-Brennan per la scuderia Aichner, sorprendente al debutto e qui nel ruolo di guastatore. L’altra in ostacoli è un bel cross, Premio Carica di Isbuschenskij a ricordo dell'ultima carica di cavalleria condotta da unità del Regio Esercito italiano: si ripropone il testa a testa fra Ara Gold e Arman in un campo di nove pretendenti.
In chiusura di pomeriggio il Bolzano (handicap da 17.600 euro sul miglio e mezzo) con sei protagonisti, tutti con le carte in regola per emergere: Accino (vincitore della scorsa edizione) ultimamente offuscato scende di categoria per affrontare i pesi bassi di Moschettiere che a Maia mette le ali, di Punta di Diamante con forma al diapason e del regolare Gioral. Nella terra di mezzo navigano i due presentati dal team Botti, Troublemaker e Time is Precious.
 
LE CORSE DI LUNEDÌ 15 AGOSTO (otto corse dalle ore 15.00 alle 18.45)

Come sempre internazionale e ricco di motivi tecnici, anzi quest’anno più ricco del solito, il giorno di Ferragosto a Maia. È il pomeriggio del clou del ciclo dedicato da Merano ai jockey professionisti del piano: tra le otto corse spiccano il Premio E.B.F. Terme di Merano (listed per femmine di 3 anni e oltre, euro 41.800, metri 2.200) e il Premio delle Alpi-Green Monster (handicap principale sul miglio, 24.200 euro). In ostacoli vanno in scena le prime prove di preparazione in vista dei principali appuntamenti di settembre: il Premio Creme Anglaise-memorial Gilberto Giottoli (listed, 25.000 euro, metri 3.800, steeple), con il rientro di Alpha Two e altri nomi che mirano al 77° Gran Premio Merano Alto Adige, in siepi l’élite dei 4 anni (Premio Saverio Lembo) e dei 5 anni e oltre (Premio Pasqualino Mazzoni).

Piano. Delle otto alle gabbie del Terme cinque provengono dall’estero. Partiamo dalle tedesche, spesse volte dominatrici di questa prova nelle recenti edizioni. Olala, allieva di Figge, è una che ha vissuto la vetrina straordinaria di Royal Ascot in gruppo 2, guadagnata dopo ottima primavera sulle piste francesi. Danlia proposta da Klug e Nazbadou per Schiergen sono frequentatrici di buone categorie in patria, poi la globetrotter Distain dalla carta intrigante. Bandiera slovacca quella di Saintnixa del trainer Stancik, terza nelle Oaks di Karlovy Vary (repubblica Ceca) e per la prima volta in terra straniera. Tre le portacolori di scuderie italiane. La più quotata, con qualche chilo in più in groppa, è Wordless, la carta del team Botti (colori New Age) che nel Terme 2015 inaugurò una serie di 5 “argenti” di fila interrotta con il successo nel Mezzanotte a Milano. L’Incolinx replica con Durlindana quinta nello stesso Mezzanotte prima di finire seconda nel Lombardia, sempre a San Siro. Infine la giubba casalinga di Klaudia Freitag a caccia di gloria con Turmalina, fresca di affermazione in G.r.
Il Delle Alpi ha un faro e risponde al nome di Nabucco che due settimane fa a Maia ha fatto il vuoto. Deve vedersela con 65 kg, mentre tra gli avversari Ceffone è il più accreditato, Salure e Rockaraoundtheclock quelli che giungono sulle ali di una vittoria.
Ostacoli. Nel Creme Anglaise il tema è il rientro, dopo lungo stop, di Alpha Two, il campione del team italo-ceco Bottura-Vana titolato con il doppio Gran Premio 2013-14. Ma intrigante è anche l’impegno di Little Bruv, D’Altemps allenato da Favero, probabilmente al momento il miglior specialista italiano ma respinto (caduto) dal Grande Steeple d’Europa. Altro Favero ma per Magog è il qualitativo High Master all’esordio sugli ostacoli alti, poi l’eterno Frolon, i cechi Alcydon Fan e Mazhilis e l’allieva della Dormello, Nelly Darrier, che prova a stare coi big. Prove di Gran Siepi nel premio che ricorda Pasqualino Mozzati: eterno duello Sol Invictus-Chiaromonte con Notti Magiche qualcosa di più di un terzo incomodo e l’enigmatico ceco Chicago nella terra di mezzo. Nel Saverio Lembo, prova del nove per Nadat candidato all’alloro di miglior 4 anni in siepi.

Questa news è stata letta 606 volte dal 12 Agosto 2016