Set 8

Arcoveggio: Tris e la “notte bianca” di Capannelle

Ippodromo BolognaGiornata inaugurale del tutto speciale oggi all'Ippodromo bolognese: dalle 13.55 a mezzanotte si potrà dare il benvenuto ai cavalli che tornano a calcare l'anello dell'Arcoveggio e trascorrere un piacevole pomeriggio-tris prolungato dalla serata al ristorante delle tribune, per seguire in diretta la grande serata di Roma Capannelle, continuando a scommettere in simulcasting su tutte le piste in attività e divertendosi in compagnia.
Non solo Tris, dunque, in questo sabato ricco di proposte, infatti, al termine della riunione, previsto per le 17.40, sala Simulcasting aperta per continuare a sognare con i cavalli in corsa negli ippodromi collegati e tutti in attesa dell'inizio del convegno di Capannelle, che proprio oggi , con il vernissage previsto alle 20.30, inaugura un avveniristico impianto di illuminazione destinato a segnare un'epoca, quella delle corse in notturna nel tempio del galoppo romano.
Tutti in pista, pronti alla partenza per le 13.55, con sedici indigeni di quattro anni impegnati nella Corsa Tris Premio Fratelli Bini Off. Ford, una sfida sulla media distanza con avvio ai nastri che si preannuncia davvero equilibrata e difficile da decifrare. Piacciono soprattutto soggetti posti al secondo nastro, con Fondo Ok e Roberto Vecchione seriamente indagati per il ruolo di movimentatori della contesa ed il ritrovato Fort Lauderdale in particolare evidenza per l'ispirata guida di Roberto Andreghetti Questo senza dimenticare un binomio dalle indubbie qualità, quello formato da Manlio Capanna e dal qualitativo Fabian America. Non finisce naturalmente qui la disamina della contesa, anche perché dalla vicina Toscana muovono con propositi bellicosi Edy Moni e Maurizio Pieve con i loro Foster Baby e Febo D'Alfa, anch'essi inquilini del secondo nastro, mentre tra i dieci occupanti dello start Fullmonty Bi coltiva una concreta speranza di piazzamento.
Esaurita l'analisi del clou pomeridiano, eccoci pronti ad affrontare la prova di spalla, posta come settima corsa e riservata a buoni indigeni di tre anni impegnati sulla breve distanza. Spiccano, per guida di classe ed elevato tasso tecnico, la ben situata Giordj Allmar, con Fabrizio Ciulla, il potente Gengis Khan Alca, del funambolico Pietro Gubellini e il concreto Gilbert Cr, sul quale sale il teutonico Rudolf Haller, mentre il ruolo di outsider ben si sposa con le caratteristiche di Gavoi, interpretato da Paolo Molari. La visita guidata alle restanti corse inizia con Abyss alla seconda e prosegue con Icona di Azzurra alla terza, si sofferma su Zignano D'Oro alla quarta e segnala una trio alla quinta, con Erabay in evidenza assieme a Zeffiro Egral e Dribbling Om. Si continua e ci si imbatte in Asburgico, vecchio guerriero mai domo che ritorna alle competizioni dopo sette mesi con la volontà di ascriversi la sesta corsa del pomeriggio; all'ottava Fit Aas e Flikflok si disputeranno il successo a colpi di parziali e alla nona ancora Rudolf Haller tra i più gettonati grazie al promettente Giannutri As.

Questa news è stata letta 878 volte dal 8 Settembre 2006