Mar 6

Arcoveggio: resoconto di domenica 5 marzo 2017

Ippodromo BolognaTarita del Sile, contropiede vincente. Domenica dagli accattivanti incroci all’Arcoveggio, con sette corse di eccellente livello tecnico e la presenza dei due driver emblematici degli ultimi decenni, Pietro Gubellini ed Enrico Bellei, a regalare ulteriore sale ad un convegno che aveva negli anziani i protagonisti della corsa più ricca del pomeriggio.
Un miglio per nove ed un favorito dalle chiare chance come il vincitore classico Santiago D’Ete, così si presentava il premio dedicato a Franco Scardovi, professionista esemplare e ippico a tutto tondo, con il solo Paco a trovare qualche sostenitore al betting e gli altri destinati a ruoli assolutamente marginali. Sin da subito le cose sono parse difficili per il sei anni allenato da Erik Bondo e guidato da Pippo Gubellini, con Paco a scandire parziali e Tronda Wise a sollecitarne l’azione, mentre Talito Gso s'impegnava al largo ed alla corda, Tarita del Sile attendeva gli eventi per profilarsi sui primi, poi, sulla piegata finale, il calo di Tronda, il tentativo di fuga per Paco, ed il pressing di Talito che sopravanzava il rivale ma nulla poteva opporre alla freschezza di Tarita che, ben guidata da Alessandro Muretti si aggiudicava la vittoria in 1.14.3 davanti all’avversario ed allo stremato Paco, mentre il favorito, irretito dalle evenienze tattiche contrarie, finiva tra gli squalificati.
Pochi ma buoni ed assai promettenti nel prologo, solo cinque i tre anni chiamati all’agone e successo in 1.14.5 per il plebiscitario favorito Vash Top, un allievo di Erik Bondo affidato a Pietro Gubellini dominatore della contesa davanti a Vitamar e Velvet Dancer, sua alternativa al betting, poco incisivo lungo il percorso ed in calo nei metri finali, mentre alla seconda una ispirata Maria Giovanna Bortolanza ha accompagnato al successo la sua Simia Spritz cogliendo in difficoltà l’atteso Tyrone di Pippo a fil di palo a passare di un amen al suo interno al ragguaglio di 1.16.0 e con il diligente Pablo Grif al terzo posto.
Arrivo di pura marca toscana alla terza corsa, con i cadetti e i gentleman impegnati sulla distanza del miglio e la vittoria, dopo accesa lotta in dirittura, per Ultimo dei Greppi e Nicola del Rosso su Ulassai e Samuele Querci in 1.17.7, terzo dopo corsa d’avanguardia il favorito Umbral, poi, alla quarta, ancora la leva 2013 in vetrina e successo da favoriti per Ultimaluna Grif e Alessandro Gocciadoro nei confronti di una coraggiosa Unique As, leader sin dal via, e di Unjumbo Zs, il tutto alla media di 1.14.0. Schema analogo ed analogo risultato per Nicola del Rosso ed i suoi home made targati Greppi, la doppietta di giornata per l’ospite della Val di Nievole è stata sancita dal finish del suo Sioux che in 1.15.4 ha battuto Rilke Laumar con i favoriti Papaplione Cam e Zaccherini a completare la trio.
Incognita nastri per i nove tre anni della sesta corsa e vittoria in 1.18.2 per Valpicetto Jet ed Enrico Bellei nei panni di catch per conto di Lamberto Barbieri; piazze d’onore per il movimentatore Victor Polet Si su Vegna D’Aghi.
Prossimi appuntamenti: giovedì 9 e SABATO 11 dalle ore 15.30.

Questa news è stata letta 220 volte dal 6 Marzo 2017