Giu 2

Capannelle Galoppo: le corse di domenica 4 giugno

Capannelle GaloppoPomeriggio Super con le corse riservate ai purosangue arabi ma spazio anche ai due anni di belle speranze. Siamo giunti al momento del congedo, meglio dovremmo dire dell’arrivederci. Capannelle galoppo saluta i suoi appassionati con questa che è anche l’ultima domenica della stagione ma nello stesso tempo da appuntamento a tutti per l’inizio di settembre. Sarà allora che ripartirà la stagione, una sorta di anno scolastico, appunto da settembre ad inizio giugno con tanto di sosta invernale limitata ad un mese. Il rompete le righe vale soltanto per il ramo galoppo perché Capannelle trotto ha ancora in serbo parecchie sorprese comprese quelle di prestigio e selezione di fine mese. Il nostro ippodromo coniuga con eguale passione ed impegno entrambe le discipline che sono alla base dell’ippica. Il galoppo si lascia alle spalle una primavera importante che ha vissuto momenti di alta e viva partecipazione. Basta pensare alle giornate del primo maggio con la disputa del Regina Elena e del Parioli, seguita da quella del Presidente della Repubblica nel cui pomeriggio si sono disputate due corse di alto spessore per i purosangue Arabi e poi naturalmente dal derby day, la giornata che vale una annata e che ogni autentico appassionato attende per 364 giorni. Tutto questo ancora una volta è alle spalle, insieme alle corse listed, agli altri gruppi, agli Hp, alle corse di ogni giorno. C’è ancora da vivere questa domenica che appassiona e rapisce poiché anche in questa circostanza fanno capolino i purosangue arabi, La nave va … dunque. Oggi possiamo dire che nel nostro paese, cosi come nel resto d’Europa, le corse riservate ai purosangue Arabi sono una realtà sempre più diffusa e che in diverse occasioni il livello delle prove loro riservate raggiunte dimensioni sempre più alte dal punto di vista della selezione. Il saluto alla stagione lo daranno dunque tre corse riservate ai purosangue Arabi. Due saranno importanti e ben dotate condizionate, per i tre anni sui 1700 e per gli anziani sui 1800, la terza invece sarà ancora una volta listed, dunque prova di selezione e sulla classica ed impegnativa distanza del 2400 metri. Le corse sono intitolate a Sheik Bin Sultan Zayed, la listed, e le altre due a Sheika Fatima, quella per anziani riservata alle amazzoni e quella per i tre anni con in sella gli allievi, entrambe internazionali. Nella listed con ospiti internazionali saranno in 8 e tra costoro Nil A Shal, Nil Aziz, Ramiz Al Aziz ma anche Metrag, Yenka e la selezione italiana Lares de Pine, Tintu de Gallura e Tornado By Zucchele. Le altre due corse vedranno 10 tre anni e 12 anziani con in sella, gli anziani, tutte amazzoni internazionali, e i tre anni gli allievi. Se le corse riservate ai purosangue Arabi sono il segnale più importante non soltanto della giornata ma delle ultime stagioni e non solo a Roma ma anche negli altri ippodromi importanti italiani, ovviamente le altre sei corse (nove occasioni di divertimento dunque in tutto) sono per i purosangue inglesi. Oltre ai consueti handicap che tanto coinvolgono saranno a disposizione anche due condizionate. Una sarà sul miglio della pista all weather e metterà a confronto i tre anni con gli anziani mentre l’altra è certamente la più attesa. Sul dirt si misureranno tra gli altri specialisti come Comiso Soul, Mewat e Quiz Evolution. Nel premio Alberto Giubilo scenderanno in pista i due anni ma, a differenza degli scorsi anni, la corsa questa volta si apre anche alle femmine poiché il premio Perrone ha trovano opportuna collocazione nel giorno del Derby. In tal guisa la corsa che ricorda il maestro di tutti i giornalisti ippici, carta stampata e televisione, l’indimenticabile Alberto che inventò la telecronaca delle corse in Italia e prima ancora la radiocronaca, potrà, questo è l’augurio, tornare a beneficiare di un rating nel tempo di nuovo alto per essere di nuovo corsa listed. La distanza prescelta è ancora quella dei 1100 e questa è la corsa che un tempo si denominava Criterium di Roma, dunque un appuntamento di spessore e soprattutto di tradizione. Hanno risposto in quattro ma di potenziale spessore: Bridge Distant Man, Capitan Cirdan, Iframe e Time Last. Prepariamoci dunque a vivere nel migliore dei modi la domenica dei saluti e dell’arrivederci con Capannelle che come sempre saprà ospitare e assecondare la passione dei suoi ospiti, grandi e piccini, le famiglie che tanto vorremmo sempre all’ippodromo. Nove corse come detto, tre riservate ai purosangue Arabi, due le condizionate e cosi gli handicap. Tre volte attiva la pista dritta, due volte quella all weather tanto preziosa per preservare le varie piste in erba tra le quali quella grande sarà utilizzata ben quattro volte. Quanto alle distanze spazio dai 1000 metri fino ai 2400.

Questa news è stata letta 350 volte dal 2 Giugno 2017