Ott 23

Arcoveggio: resoconto di sabato 21 ottobre 2017

Ippodromo ArcoveggioVenivici, Nomen homen per il Roc. Un tiepido sabato autunnale ha accolto gli appassionati bolognesi e non all’Arcoveggio, dove i tre anni tenevano banco in un interessante miglio capitanato al betting da Venivici Roc, portacolori della Sant’Eusebio ed home breed di casa Rocca con il giovane e promettente Filippo nei panni dell’interprete, in alternativa le due allieve di Lorenzo Baldi, Volavia di No e Vesna la prima guidata dal trainer di Altedo, la seconda dal proprietario, Renè Legati. Corsa risolta in partenza, Venivici subito leader senza colpo ferire nei confronti di Venere Degli Dei, presto di galoppo, e di Volavia di No, con Vitamar lontana e Vesna subito a muovere le acque. Dopo un chilometro al rallenty, Venivici accelerava sotto il pungolo di Vesna e in dirittura, pur calando leggermente, si affermava sull’avversaria e sulla diligente Volavia di No, regalando la seconda vittoria pomeridiana al suo partner e registrando la media chilometrica di 1.14.8.
Plebiscitaria favorita tanto da risultare ai limiti del no betting, l’invitta allieva di Paolo Leoni, Zazzà del Pino ha profondamente deluso i suoi sostenitori varcando il palo per prima ma subendo i rigori della giuria che la retrocedevano al secondo posto per un incauto allargamento in dirittura nei confronti di Zaffiro Roc, assurto al ruolo di vincitore in 1.17.1 per la guida del suo allevatore e proprietario, Filippo Rocca, poi, tre anni dallo scarso appeal tecnico e vittoria alla maniera forte per Virtus di Mira e Dante Bosia, al largo di una labile Vive La Vie per poi spaziare in un dozzinale 1.18.3 sui superstiti, Vabella Si e Vassallo, mentre l’attesissima Vitesse D’Ete è finita a tabellone a metà percorso.
Il pomeriggio alzava il suo tono tecnico con l’arrivo della terza corsa, un doppio chilometro per cadetti che l’ospite Uplifter metteva in cassaforte sin dal via assumendo l’iniziativa e gestendo tatticamente il confronto per staccare nei confronti di Urban Legend e Unionmar; per il vincitore, allievo di Mauro Baroncini improvvisato da Beppe Lombardo Jr, media di 1.17.0 ottenuta in assoluto souplesse, poi, arrivo a fruste alzate tra l’ospite veneto Pelmo Rob ed il carneade toscano Silver Fox, con Pelmo preminente di misura in 1.16.1 ben sostenuto da Paolo Leoni, mentre Romina Ama, assai seguita al gioco, è salita sul terzo gradino del podio dopo accorto percorso allo steccato.
Alla quinta, coast to coast vittorioso per Sil Down Slid Sm e Beppe Lombardo dominatori in 1.14.3 con un volitivo Solimano al secondo posto nei confronti di un coraggioso Tango Quick.
Con le prime ombre della sera a calare sulla pista è andata in scena la settima e ultima prova della giornata, intrigante sfida per anziani sulla breve distanza che aveva in Teodora Caf e Manuel Pistone il binomio favorito, in alternativa, Top Model Ok e Edoardo Baldi, ed in leggero sottordine i padovani Seleniost e Targhetta nonchè i rappresentanti della forma locale, Turbo Bye e Lorenzo Baldi. Subito al comando Teodora e Pistone giocavano con il cronometro traccheggiando sino al mezzo giro finale, allorchè naufragava il tentativo esterno di Trottatore e alla corda Rugiada Sms precedeva Top Model Ok, ed entrambe si profilavano sulla leader ingaggiando strenua lotta sin sul palo con la trascurata Rugiada ed il suo grintoso interprete Gianvito D’Ambruoso a segno in 1.14.1 su Top Model Ok insinuatasi all’interno, terza, una spenta Teodora.
Appuntamenti successivi: giovedì 26 ore 15.30; domenica 29 con la grande festa dei Palii delle Felsinarie, fra i Quartieri ed i Comuni, dalle 10 del mattino con tanti stand gastronomici, mercatino, attrazioni a bordo pista, anche per i bambini, mentre le corse inizieranno alle 14.30 (l'ingresso sarà gratuito al mattino per tutti, mentre dalle 13.30 sarà gratuito per i bambini e per le signore, oltre che per i residenti nei 10 comuni partecipanti al Palio).

Questa news è stata letta 305 volte dal 23 Ottobre 2017