Nov 24

Arcoveggio: le corse di domenica 26 novembre 2017

Ippodromo ArcoveggioDue Torri e tre anni d’elite. L’Arcoveggio indossa la livrea in questa ultima domenica di novembre, offrendo agli appassionati di trotto un programma tecnico di tutto rispetto, con lo “storico" Premio Due Torri a proiettare l’ippodromo felsineo ai vertici del palinsesto nazionale ed un miglio per tre anni a proporre al pubblico alcuni dei migliori esponenti della leva 2014 reduci da Derby. Oaks e Mangelli, pronti a regalare spettacolo ed emozioni.
Da ambita sfida classica tra 4 e 5 anni, il Due Torri è da un paio di lustri retrocesso al rango di ben retribuito scontro intergenerazionale, senza peraltro perdere la sua precipua caratteristica tecnica e proponendo sempre individualità notevoli, come evidenziato da un Albo d’oro ricco di stelle, tra le quali spiccano Filipp Roc, Osasco Di Ruggi e Ringostarr Treb, stallone di successo il primo, vincitore di un Campionato Europeo il secondo, campione di spessore internazionale e recorder “azzurro” il terzo.
Nel solco della sua pluridecennale tradizione, il Due Torri 2017 -Trofeo QN Il Resto del Carlino QS - Memorial dell'Avv. Augusto Calzolari, indimenticato vice presidente della Soc.Cesenate Corse - regala un parterre de roi suggestivo, nel quale spicca Uragano Trebì, campione indigeno che a causa della sua condizione di “castrone” non ha potuto cimentarsi nel Derby, vincendo e piazzandosi comunque a livello classico sia a tre che a quattro anni, dapprima sotto l’egida del team Lo Verde, ora con l’affiatata partnership Ehlert/Vecchione. Compito difficile ma non certo proibitivo per il portacolori campano, le presenze in prima fila del velocista Tinto e del grintoso Uragano Star - Vp Dell'Annunziata ad improvvisare il primo, Lorenzo Baldi alle redini del secondo - potrebbero arginarne l’ardore nelle fasi iniziali, mentre la rivelazione Toscarella si candida senza meno al ruolo di movimentatrice, ben diretta dal talentuoso Andrea Farolfi, senza peraltro trascurare nè la classe di Utopia Luis, sempre ai vertici femminili della leva ed oggi in versione Davide Nuti, nè la grinta di Umbral Ferm, spesso nel marcatore in contesti d’elite, con il fido Afrim Shmidra a dirigerne le mosse.
Posto come quinta corsa del pomeriggio, il Premio Vittorio e Paolo Lucchi, miglio riservato ai tre anni, anticipa la disputa del Due Torri e vede al via soggetti dai notevoli curricula, su tutti il finalista, invero piuttosto sfortunato, del Derby 2017 Vircan, allievo di Lorenzo Baldi che ne ha gestito con maestria la maturazione atletica ed agonistica vincendo lo storico Elwood Medium ed accompagnando il suo pupillo sul podio del Città di Napoli ed al marcatore di Nazionale e Giovanardi, mentre Voyager Grif, avversario dichiarato del duo made in Altedo, si avvarrà della collaborazione tattica di Vp Dell’Annunziata, mettendo in campo la piazza d’onore nella Consolazione del Derby ma soprattutto i piazzamenti in Marangoni ed Orsi Mangelli. In leggero sottordine le due lady Vanity Spritz e Vanguardia, brillante protagonista e quinta al traguardo delle Oaks l’allieva del duo Pistone/Sarzetto, stacanovista di talento la coetanea allenata da Alessandro Marucci e guidata dal solito Cheli; possibile sorpresa Viola Grif, in pista per puro spirito decoubertiano Viola Trio e Vasty di Poggio.
Di tutto rispetto le corse di spalla ai due eventi principali: si apre alle 14.30 con anziani e gentleman nel Premio Il Resto del Carlino e la possibile accoppiata Twitter Grad/Thor Vald, leggi Monica Gradi vs Patrik Romano, si prosegue con il Premio www.cavallomagazine.it per puledri dal promettente futuro, bel match tra Zoe Gams, Andrea Farolfi catch per Gocciadoro e Zebrina Font, Vp in sediolo e Casillo in regia, per poi tornare in compagnia dei “puri” in sulky a cadetti di qualità nel Premio Avv. Ugo Berti (fondatore del quotidiano ippico per eccellenza Trotto Italiano), con il pronostico ancora per due proposte targate Gradi e Romano, rispettivamente Umana Petral e Uragano del Pino.
Nel prosieguo, anziani di lungo corso in campo scarno ma qualitativo nella gara che ricorda il giornalista Arrigo Martino, per un miglio che Typical Roc e Filippo Rocca si berranno tutto d’un fiato con One Love e Rob Mabel all’inseguimento, sempre che Running Allmar e Zizzi non spariglino le carte e inscenino performance di spessore magari all’avanguardia.
Per chiudere con le femmine impegnate in schema ad handicap e sulla media distanza, sfida che obbligherà Ultramar Bi e Vecchione ad una severa risalita da quota meno 40 su See You Later , partente con Vannucci dal nastro intermedio, e sulle avvantaggiate allieve di Pezzatini e Baldini Più Bella Grif e Rasia Allmar.
Riunione di corse successiva giovedì 30 novembre, con inizio alle 15.30

Questa news è stata letta 351 volte dal 24 Novembre 2017