Dic 23

Arcoveggio: le corse di martedi' 26 dicembre 2017

Ippodromo ArcoveggioGentleman in scena a Santo Stefano Come tutti gli anni da qualche lustro a questa parte, nel mese di dicembre l’Arcoveggio chiama a raccolta i gentleman tricolori per le Finali del Trofeo Croce Rossa Italiana, competizione itinerante che si sviluppa nell’anno solare tra gli ippodromi della regione Emilia-Romagna e che declina l’intensità agonistica dei driver dilettanti con la generosità che storicamente li contraddistingue.

In questo intenso 2017 giunto ormai all’epilogo, la giornata festiva viene interamente dedicata alla categoria ed alle tre, canoniche batterie di qualificazione corse sul miglio e la conseguente Finale programmata sulla media distanza, si aggiungono altre 3 corse per una kermesse all’insegna della sportività non disgiunta da spunti tecnici di rilievo.

Poste ad inizio convegno, le batterie di qualificazione promuoveranno 4 finalisti ognuna, con i migliori della batteria A al primo nastro, quelli della batteria B penalizzati di 20 metri e a 40 metri quelli usciti dalla manche C, il tutto per arrivare a dodici binomi collocati nello schieramento come da ordine d’arrivo della rispettiva corsa, che sotto la luce dei riflettori si batteranno per l’ambita coppa.

Pronostico come ogni anno dalla difficile stesura, tra i partecipanti alla batteria A in odore di passaggio di turno si segnalano Stefano Mason con il suo undicenne Messerschmitt, Giancarlo Masetti ed il veloce Nicoz, l’amazzone Jessica Pompa e la grintosa Roggia Rl, pass residuale in bilico tra Mignano/Sea Point Jbay e Twtter Grad/Monica Gradi, mentre alle 14.55 scenderanno in pista i soggetti che andranno ad occupare l’estremità dello schieramento finale sui quali spiccano i campioni uscenti Vito Palio e Paco e gli affiatati torinesi, Un Grande Ido e Sebastiano Ciraso affrontati dagli agguerriti team, Uragano Spritz/Michela Rossi, Ribot Zs/Manfredini e Sama Jet/Zaccherini, mentre per gli altri pare davvero difficile.

La disamina prosegue con la batteria B, terza corsa del palinsesto e manche assai affollata con dieci contendenti ed un favorito dalle cospicue possibilità nel collaudato tandem Patrik Romano/Rambo di Cesato, cui gioverà il fortunato sorteggio al post cinque che permetterà loro di assumere l’iniziativa e sfuggire a prevedibili attacchi delle coppie Talita’s Cage/Giannoni, Sharif Dei Rum/Canali e soprattutto di Federico Bongiovanni e del suo grintoso Peter Pan Gso.

Non mancano gli spunti nelle corse poste come corollario al Trofeo, alla quarta infatti il testimone passerà ai tre anni con il triestino Massimo de Luca a improvvisare l’ospite brianzolo Verdi Prav, affidatogli dal suo amico e corregionale Carlo Belladonna, mirando al bersaglio grosso senza però trascurare la velocità di Vaniglia Ido, la grinta di Vulcanus Etoile e la forma al top di Vivir Contigo, pedine di peso rispettivamente affidate a Ciraso, Zaccherini e Monica Gradi, mentre alla quinta si materializzerà il match tra Uno Gadde e Udue Effe, leggi Zaccherini vs Giovanni Ghirardini per chiudere con il plebiscito per Undisclosed, decisamente la miglior chance pomeridiana per il tre volte campione italiano Matteo Zaccherini.

Prossime riunioni per festeggiare domenica 31 San Silvestro alle corse (dalle 14.30) e subito dopo Capodanno (idem inizio alle 14.30 circa), mentre sabato 6 gennaio è in programma il GRAN PREMIO DELLA VITTORIA, con tanto di Festa della Befana a cornice dell'evento.

Questa news è stata letta 393 volte dal 23 Dicembre 2017