Apr 3

Arcoveggio: resoconto di lunedi' 2 aprile 2018

Bologna TrottoZetaway Fox vince e pensa in grande. Dopo il bel convegno pasquale, impreziosito dalle eccellenti performance di Una Magia Bi e Venere Degli Dei, a distanza di 24 ore l’Arcoveggio ha riaperto i suoi cancelli per ospitare un divertente contesto tecnico imperniato sulla sfida riservata ai tre anni posizionata come sesto evento di un assolato e affollatissimo pomeriggio, con in chiusura su un bell'handicap al femminile programmato sulla media distanza.

In apertura sono scesi in pista i gentleman per interpretare otto cadetti di buona caratura, con l'irrimediabile rottura della favorita Valchiria Spin e la lotta per la leadership a premiare Victoire Winner ed il suo improvvisatore Carlo Hudorovich i quali, una volta in testa, hanno continuato di lena respingendo i reiterati attacchi degli attesi Valencia Grif e Filippo Monti, concludendo in leggero calo ma vittoriosamente su Vanity Fair e la stessa Valencia Grif in un più che rispettabile 1.16.1.

Poi, ancora un flop per il binomio più atteso nella seconda corsa, mitigato però dal terzo posto ottenuto dai plebiscitari favoriti Oregon Bond ed Enrico Bellei dietro ad uno scatenato Speedy Fez ed al suo grintoso interprete Andrea Farolfi; secondi invece, i movimentatori Ser Giti e Francois Conigliaro, con la media di 1.14.5 ad impreziosire la performance dell’ospite lombardo allenato da Matteo Restelli.

Testimone di nuovo nelle mani dei gentleman a bordo di discreti tre anni, con l’ennesima debacle dei favoriti, nel frangente Zagara N’Bigi e Patrik Romano, mentre i più attesi tra le alternative al betting, Zoe And Glory e Raffaello Ruffato, hanno imposto ritmo sonnecchioso alla gara finendo con l’addormentarsi a loro volta e non riuscire a respingere il finish di Zankos e Michele Canali che si sono imposti in un anacronistico 1.19.7 mentre Zlatan Si ha completato il podio.

Spettacolo e cronometri bollenti alla quarta, con i quattro anni in pista e lo show di Vacanza Jet e Natale Cintura, a segno in 1.14.3 davanti a Velvet Dancer e a Veronese, dopo avere debellato le resistenze dello scatenato battistrada Vasco Cup, ancora quarto in linea con Valkyria Run, mentre alla quinta tutto come da copione per Ulrika dei Daltri, oggi in versione Bellei dopo tre uscite con Greppi, vincitrice in 1.15.5 dopo aver pressato un coraggioso Resole Matto per passare e staccare agevolmente in dirittura, terzo, un diligente Parker Om.

Folla delle grandi occasioni in tribuna all’ingresso in pista dei protagonisti del clou, miglio che ha visto nell’approssimarsi del via la veloce Zingara Del Pino ritirata per un attacco febbrile e la rottura al via di Zona Da mentre Zoless e Alessio Vannucci scattavano all’avanguardia nei confronti di Zenny Cup, Zaffron Play ed al largo Zoe Amg cercava di reperire una posizione allo steccato mentre Zetaway Fox iniziava la risalita dopo partenza prudente, causa sgambature poco convincenti. Al passaggio la situazione vedeva Zoless leader, Zetaway Fox in pressing e Zenny Cup alla corda su Zaffron Play, al largo Zodiac Roc in aggiramento su Zoe Amg che sbagliava a 400 metri da palo, allorchè il leader cercava la fuga ma, appena in retta, doveva inchinarsi alla maggior prestanza di Zetaway Fox, che in 1.15.0 regalava il raddoppio ad Enrico Bellei mentre Zeny Cup conquistava la piazza d’onore anticipando in open stretch lo spunto di Zaffron Play, con lo stanco Zoless nelle retrovie battuto anche da Zodiac Roc.

In chiusura, nell’handicap riservato a mature lady indigene, a tabellone l’attesa UltraMar Bi e marcia di trasferimento per lunga parte del percorso con parziali di tutto comodo per Tortuga che si trascinava sino in arrivo Talentuoso Bro per svicolare dall’avversaria e vincere in 1.19.2 nelle mani di Federico Esposito con Perla di Roberta diligente terza.

Prossimi appuntamenti giovedì 5 ore 15.30 e domenica 8 ore 15 il GRAN PREMIO ITALIA.

Questa news è stata letta 374 volte dal 3 Aprile 2018