Apr 13

Arcoveggio: resoconto di giovedi' 12 aprile 2018

Ippodromo ArcoveggioMedia distanza e nastri non fermano Valencia Min. Grandi guide e belle corse caratterizzavano il giovedì del trotto bolognese, con i quattro anni in cima al tabellone e gli anziani protagonisti della tqq, il tutto legato dal comune denominatore rappresentato dalla media distanza e dallo schema ad handicap, che per i più giovani è sembrato indigesto a molti dei dieci partecipanti, con numerose squalifiche a seguito di rotture nelle fasi d’avvio tra cui quella della favorita Varsavia. In breve al comando, l’attesa Vacanza Jet ha subito il severo attacco dapprima di Vitulano Lung, che si accodava sul’errore di Victory Grad, poi, di Valencia Min che dal secondo nastro ha pressato l’allieva dei Cintura per oltre 800 metri , passando in bello stile a metà dirittura e vincere in 1.16.8 nei confronti di Vitulano Lung, tornato in prossimità del palo a battere di misura una comunque coraggiosa Vacanza Jet. All’imbrunire e sotto un cielo imbronciato sono scesi in pista i protagonisti della tqq, in sedici dopo il forzato ritiro di Upsala Jet, con il pronostico diviso tra il decenne Oro Fks, inquilino del primo nastro e Ulalia, al via da quota meno venti unitamente allo stimato Pedro Almodovar, mentre trovava sostenitori anche il toscano Roby. Dopo un paio di partenze annullate, era Oro Fks ad assumere l’iniziativa su Ursa De Gleris, e Silver Fox, mentre una lunga suite di errori coinvolgeva, tra gli altri, la favorita Ulalia con Pedro Almodovar presto al largo di un gruppo piuttosto sfilacciato, che perdeva anche Unabomber Cup e Taca Banda Si. Nonostante il peso di una lunga carriera e qualche acciacco dovuto all’età, il leader si difendeva brillantemente sin sul palo vincendo in 1.17.1 nelle mani di un grintoso Vp, mentre Pedro Almodovar si issava in seconda posizione e Silver Fox rimaneva terzo su Ursa De Gleris, leggermente calata alla distanza, quintè completata dal carneade Radames Egral e quote a partire da 56 euro per la tris, passando per i 115 del quartè e chiudere alla grande con gli oltre 7531 della scommessa regina.
Apertura riservata ai tre anni nel segno del “pochi ma buoni” con le rotture degli attesi Zaira Zac ke Zephyr Dancer a schiudere lo strada alla vittoria dell’ospite marchigiano Zar Degli Ulivi, ottimamente interpretato da Gennaro Pacileo e preminente dopo accesa lotta con l’allieva di Andreghetti, Zaira Stecca, mentre Zeus Lest è calato alla distanza dopo percorso esterno finendo comunque al terzo posto sul lontano Zerozero Muttley, per vincitore e seconda arrivata, media di tutto rispetto attestata in 1.15.2, poi, cadetti e gentleman sulla breve, con una lunga teoria di errori a ridurre il gruppo e Vertigo Np in evidenza al ragguaglio di 1.16.6,con un raggiante Giancarlo Moretti alle redini, secondi e terzi rispettivamente Vabella Si e Vive La Vie.
L’asticella subiva un prepotente balzo in alto con il sopraggiungere della terza corsa, miglio volante risolto all’estrema attesa dai favoriti Ula Pal Ferm e Vecchione che 1.14.5 hanno facilmente disposto degli avversari, capeggiati per le piazze da Sir Corby e Ronaldinho Tres, poi, Zante Del Ronco e Vecchione sugli scudi alla quarta dopo percorso all’attacco di un encomiabile Zotico Giò, allievo del duo Pisacane/Romanelli perfettibile dal punto di vista meccanico ma ancora tonico in arrivo dopo aver condotto dal via, terzo Zebù Dip e notevole la media di 1.15.4 ottenuta dal giovane allenato da Gennaro Casillo, mentre alla quinta, con gli anziani al ritorno in scena, vittoria non senza patemi per i plebiscitari favoriti Urawa Gi e Bellei, all’attacco lungo i due giri di pista di un coraggioso Sharm El Sheik e poi preminenti in 1.15.2 su Regina Fks, pericolosamente avvicinatasi in arrivo e seconda di una narice con Simia Spritz terza dopo bel finale dalle retrovie.
E arrivederci a domenica!

Questa news è stata letta 296 volte dal 13 Aprile 2018