Feb 25

Arcoveggio: resoconto di domenica 24 febbraio 2019

Ippodromo ArcoveggioAlex Mede Sm e Tosca Joy i vincitori della domenica on air. Proposte tecniche rilevanti in una cornice quasi primaverile, pista scorrevole ed un buon pubblico nonostante la concomitanza con Bologna/Juventus, questa la cartolina dalla domenica del trotto felsineo che offriva ai atre anni e ai velocisti anziani il ruolo di primattori nei due clou di giornata, posti rispettivamente come secondo e sesto appuntamento del convegno.
Grande equilibrio tattico nel miglio riservato alla leva 2016, Premio Radio International, tre i soggetti maggiormente seguiti al betting , Abba Gual, Alex Mede Sm e Astrit Trio, con la prima di galoppo allo stacco e gli altri due costretti a costruire al largo dopo lo scatto in avanti di Anny Pan su Arnold Cup, all’epilogo, Alex Mede Sm e Vecchione vincitori di misura su Arnold Cup e Astrit Trio al terzo posto sulla stanca Anny Pan, il tutto in un brillante 1.15.2 per il passista allenato da Holger Ehlert.
Stessa moneta, medesima distanza, ma anziani in pista per il secondo “centrale “ bolognese, Premio Radio Nettuno, miglio contrassegnato da omogenee chance tra gli otto contendenti ed il betting schierato in chiusura sul duopolio Tosca Tosetta Spritz/Tosca Joy. Al via lotta tra le due e Tosetta leader sull’avversaria, gli altri in fila indiana con Sandro e Tatanka Op a tentare la sortita al largo, senza peraltro avanzare, mentre al centro del gruppo Sachs del Ronco spostava sulla coppia di testa e all’epilogo tentativo di stacco della battistrada, ma Marco Stefani proiettava, insidiosa, la figura di Tosca all’interno della giumenta di Andrea Farolfi, per portarla a vincere di misura quanto nettamente al ragguaglio di 1.14.8 con un sorprendente Sheridan Treb al terzo posto.
Apertura per femmine di quattro anni impegnate sulla breve distanza con i favori del pronostico tutti per il duo Zorzal/Antonio Di Nardo, che dopo percorso al largo hanno avuto facilmente ragione delle avversarie, debellando in 1.15.0 le resistenze dei Zarina Baba ed Andrea Farolfi, battuti nel finale da Zola Budd e Luca Lovera per la piazza d’onore.
Alla terza, ancora cadetti, questa volta impegnati sulla media distanza e con ancora una pedina della premiata ditta Casillo/Di Nardo in cima alle preferenze, la progredita Zoe Bs che non ha deluso le attese spaziando in un normale 1.17.7 davanti a Zapotec Del Falco e Zuvetier Cc Sm, poi, undici anziani di lungo corso per due giri di pista che Victor Gial ha percorso quasi interamente al comando, arrendendosi nelle fasi finali alla maggior prestanza dell’ospite marchigiana Tempesta Mack, che ad alta quota e ben diretta da Daniele Cuglini ha sbaragliato il campo a media di 1.16.0, mentre la terza moneta è stata appannaggio della diligente Un’Avvenura, subito out il favorito Tamigi Dei Greppi.
Tris nazionale alla quinta corsa, un handicap sulla media distanza con i gentleman ad interpretare i dodici partecipanti e bel testa a testa nelle fasi finali tra l’iniziale battistrada Ragazzo Dei Sogni e l’accorrente Uragno del Pino, con quest’ultimo dominante in 1.18.0 per la gioia del suo driver nonché proprietario Patrik Romano, terzo lo stacanovista Roxy Viking.
Chiusura con le lady di 5 e 6 anni e la vittoria di una scatenata Valencia Grif, proposta dell’affiatata partnership Ehlert Vecchione, che in un siderale 1.13.6, ha disposto delle avversarie precedendo Ursula Trio e Vienna As.

Prossimi appuntamenti giovedì 28 febbraio, sabato 2 e domenica 3 marzo.

Questa news è stata letta 489 volte dal 25 Febbraio 2019